:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Teatro nella casa di reclusione minorile Malaspina di Palermo

07 aprile 2017

Il teatro entra nella casa circondariale minorile Malaspina di Palermo, con il progetto “Il teatro come modello educativo: facciamo la prova” organizzato dalla Federazione Italiana Teatro Amatori (FITA) e patricinato dal comune di Palermo. Si tratta di un progetto pilota che per 70 giornate, dal mese di maggio, vedrà la partecipazione dei ragazzi del Malaspina impegnati da lunedì a venerdì per la realizzazione di uno spettacolo finale. Sarà un modo per avvicinare i giovani alla cultura e dare spazio alle loro potenzialità espressive, emotive e relazionali all’interno di un gruppo. I ragazzi ospiti dell’istituto penitenziario avranno modo, infatti, di cimentarsi con il teatro e fare nuove esperienze. Sarà un modo per loro di avvicinarsi alla cultura e scoprire realtà nuove. “Il tempo al Malaspina è sempre in attesa di qualcosa – ha detto Michelangelo Capitano direttore dell’istituto penitenziario minorile “Malaspina”. Se riusciamo a far trascorrere ai nostri ragazzi il tempo prima e meglio, diamo loro una grossa mano. Per questo ringrazio la Federazione Italiana Teatro Amatori per l’iniziativa che svolgerà all’interno del nostro istituto”. "Ancora una volta - ha detto il sindaco Orlando - si conferma che il Malaspina non è luogo 'altro' rispetto alla città e si conferma l'impegno di tanti, privati, enti culturali e sociali, istituzioni, perché la permanenza all'interno del Malaspina sia anche periodo di costruzione di percorsi di crescita umana e civile. Che questo avvenga tramite la cultura è ancor più importante". 

» Leggi tutti gli annunci