:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Organizzazioni

Cerca
Cerca in tutto il sito
Stampa Stampa

FONDACA - Fondazione per la cittadinanza attiva

Responsabile: Emma Amiconi

Indirizzo: Vicolo del Bologna 20/21 - 00153 - Roma - RM

Tel: 06 36006173 Fax: 06 77201287

web: http://www.fondaca.org/

email: home@fondaca.org

La Fondazione per la cittadinanza attiva è stata creata nel 2001 e ha sede a Roma. E’ un think tank europeo che ha costruito nel tempo la propria competenza sulla cittadinanza assumendo come punto di osservazione della realtà quello dei cittadini; è una fondazione operativa che mette a disposizione di imprese, pubbliche amministrazioni e organizzazioni di cittadini il proprio know how in campo formativo, consulenziale, di ricerca e di dialogo culturale; è un osservatorio sul fenomeno della cittadinanza e sui suoi mutamenti; è un attore che interviene nel dibattito pubblico, in Italia e in Europa, sugli elementi che contraddistinguono l’Ue e la cittadinanza europea; è una organizzazione che collabora principalmente con imprese e pubbliche amministrazioni avviando processi di riorganizzazione interna finalizzati all’adozione di un approccio strategico al tema della corporate citizenship.
La mission di Fondaca è focalizzata sulla cittadinanza intesa come fenomeno plurale e multiforme, in cui hanno luogo e sono osservabili i mutamenti dei sistemi democratici nelle società contemporanee.
I temi di cui si occupa sono: il ruolo pubblico di soggetti non statali, tra i quali organizzazioni civiche, imprese private, nuovi media e gruppi professionali; il rapporto tra i cittadini, in quanto stakeholder di imprese e della pubblica amministrazione, ed i molteplici attori che fanno parte dell’arena pubblica; i mutamenti in corso nei sistemi democratici dove attori, sistemi di rappresentanza, luoghi e procedure di azione riflettono sempre meno gli standard tradizionali delle democrazie; la dimensione europea intesa come esperimento di costruzione di una democrazia al di là del modello dello stato nazionale; l’integrazione  della responsabilità sociale e ambientale nella identità culturale e operativa delle aziende e delle pubbliche amministrazioni e lo sviluppo di strategie relative al rapporto con gli stakeholder.

Stampa Stampa