:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Organizzazioni

Cerca
Cerca in tutto il sito
Stampa Stampa

CSV Ferrara - Agire Sociale

Responsabile: Alberto Poggi Addetto stampa: Enrico Ribon

Indirizzo: Viale IV Novembre, 9 - c/o CPF Ferrara - 44100 - Ferrara - FE

Tel: 0532 205688 Fax: 0532 242528

web: http://www.csvferrara.it

email: segreteria@csvferrara.it

I Centri di Servizio per il Volontariato, previsti dalla Legge 266/91, legge quadro sul volontariato, sono organismi gestiti dalle associazioni di volontariato ed hanno l'obiettivo di sostenere, promuovere e sviluppare il volontariato territoriale.
Il Centro di Ferrara, inaugurato nell’estate del 1997, è uno dei nove centri attivati sul territorio regionale, istituiti dal Comitato di Gestione del Fondo Speciale per il Volontariato. Dal 1998 il C.S.V. si è consolidato nel territorio provinciale con l'apertura di tre sportelli periferici (ad Argenta, Cento e Comacchio).
L’Associazione C.S.V. di Ferrara, associazione di associazioni che gestisce il Centro di Servizi, è attualmente costituita da 68 organizzazioni di volontariato.
Il C.S.V. svolge gratuitamente attività a favore di tutte le realtà del volontariato presenti sul territorio provinciale e fornisce le prestazioni previste dalla legge, nonché quelle che si rendono necessarie per rispondere alle esigenze che vengono di volta in volta espresse dai gruppi e dalle organizzazioni di volontariato. Il ruolo del Centro Servizi è quindi di supporto, e non di rappresentanza dei gruppi che operano nel mondo del volontariato. Per rispondere ai bisogni del volontariato il Centro ha sviluppato attività di consulenza, documentazione e informazione, formazione, promozione del volontariato, servizi tecnico-logistici (utilizzo e prestito di materiali e spazi attrezzati): le cosiddette attività di primo livello. Inoltre la costante presenza sui territori comunali, provinciali e regionali ha favorito il dialogo ed il confronto tra le associazioni di volontariato e tra queste e le rappresentanze del terzo settore, le fondazioni bancarie e le istituzioni, promuovendo azioni di progettualità sociale (le attività di secondo livello) tra questi diversi attori.

Stampa Stampa