:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

10 Libri Sociali

Cerca
Cerca in tutto il sito in Cultura
Stampa Stampa

OFFLINE È BELLO. Il percorso di Digital Detox per migliorare relazioni, lavoro e benessere

Quante volte ci è capitato di essere a cena con amici o colleghi e di vedere che, invece di parlare con noi a tavola, questi cominciano a navigare sul proprio smartphone e a chattare con altri? Oppure a controllare ossessivamente le notifiche di Face...

Alessandro Prunesti, Massimo Perciavalle

Editore: FrancoAngeli Anno: 2016

ObQuante volte ci è capitato di essere a cena con amici o colleghi e di vedere che, invece di parlare con noi a tavola, questi cominciano a navigare sul proprio smartphone e a chattare con altri? Oppure a controllare ossessivamente le notifiche di Facebook nell'attesa di un "mi piace" sui loro post? Al di là della maleducazione, il problema è che questo tipo di cattive abitudini ha ricadute negative anche nell'ambito professionale impattando sulla gestione del tempo o sull'attenzione dedicata a ciascuna singola attività. Ci viene chiesto di essere tutti multitasking, seguiamo troppe attività contemporaneamente, lavoriamo con informazioni e messaggi che arrivano da diverse fonti e inevitabilmente facciamo più fatica a portarle a compimento in maniera sistematica. E allora? Digital Detox! Disintossichiamoci per il nostro bene. Non demonizziamo il web o le piattaforme. Ma capiamo i pericoli di un uso eccessivo e incontrollato e cerchiamo soluzioni efficaci. Questo manuale vuole portare il lettore a un uso più consapevole e produttivo delle tecnologie web, social e mobile, proponendo due percorsi per abbattere gli effetti collaterali del digitale: uno dedicato ai singoli individui, l'altro alle aziende. Vi troverete, dunque, strategie pratiche per migliorare le relazioni interpersonali e la qualità del vostro lavoro e riuscire così a raggiungere un maggiore benessere sia nella vita personale sia in quella professionale.

Stampa Stampa