:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Photogallery

Cerca
Cerca in tutto il sito in Photogallery
Stampa Stampa

Lule. Fiori albanesi

Le foto raccontano le storie di tre bambini disabili albanesi. Xhenni (nata in casa in un villaggio del nord dell’Albania con una tetra-paresi spastica legata a difficoltà durante il parto), Xhoena (affetta da un grave tetra-paresi spastica con grave ritardo cognitivo) e Kledi (nato con una paralisi celebrale infantile, in seguito a complicanze del parto avvenuto in casa).
Kledi, Xhoena e Xhenni sono ospiti del Centro socio-educativo Primavera, attivato dalla Comunità di Capodarco a Tirana. Sono storie di un’Albaina attuale, lontana dalle descrizioni che arrivano a noi attraverso i mass-media, un’Albania difficile, caratterizzata da un contesto sociale, culturale ed economico complicato dove il sostegno ai più deboli è posto in secondo piano di fronte alle necessità più elementari. La Comunità internazionale di Capodarco è presente in Albania dal 1996, quando fu chiamata a gestire il primo centro per disabili. Da allora la presenza non si è mai interrotta e l’impegno è rivolto nella non facile missione di rafforzare nel Paese la necessaria sensibilità verso il disagio, e, soprattutto, la disabilità. Kledi, Xhoena e Xhenni sono l’emblema delle decine di bimbi accolti e riabilitati. 
Gli scatti fotografici realizzati a giugno del 2008 e successivamente pubblicati nel libro ‘Lule’, sono di Stefano Coppari e Nazzareno Polini, per il coordinamento di Giovanni Marrozzini.
Il ricavato del libro (ad offerta) andrà a sostenere i progetti in Albania e nello specifico le attività del Centro Primavera (riccardo.sollini@gmail.com).
Stampa Stampa