:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Photogallery

Cerca
Cerca in tutto il sito in Photogallery
Stampa Stampa

"Donne. immagini contro la violenza": gli scatti di Rebeschini in mostra ad Anzola

Donne dai volti sorridenti e serene. Ma anche situazioni più drammatiche. Le troviamo negli scatti di Mario Rebeschini esposti nella mostra “Donne. Immagini contro la violenza”, allestita nel Municipio di Anzola dell’Emilia (Bologna) fino al 28 dicembre 2012. “Quando mi hanno chiesto di selezionare una cinquantina di scatti per una mostra sulla violenza alle donne – racconta Rebeschini – ho scelto alcuni tra gli scatti di due mostre che avevo realizzato per la Cisl, una sull'8 marzo e una più specifica sulla violenza”. Ma nei 50 scatti esposti ad Anzola non ci sono immagini violente, semmai situazioni drammatiche evocate da scritte sui muri, pubblicità o slogan su magliette. Come nella fotografia con cui si apre il percorso espositivo, una scritta a pennarello sul muro che dice “A casa mi picchiano, non ce la faccio più”. Per chiudere la mostra, Rebeschini ha invece scelto un’immagine tratta dall'esposizione sull'8 marzo in cui si vede un bambino in una macchinina e una bambina che lo spinge. “All'inaugurazione della mostra erano presenti 2 classi delle scuole – continua il fotografo – e quando siamo arrivati a questa fotografia, uno degli alunni ha detto che l’immagine mostrava 2 bambini che giocano’, mentre un’altra ha aggiunto ‘sì, ma uno dei 2 si diverte di più’, come a sottolineare che le donne si trovano a fare da ‘schiave’ fin da bambine”. 

Stampa Stampa