:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Photogallery

Cerca
Cerca in tutto il sito in Photogallery
Stampa Stampa

Ponte Mammolo: una baracca per 'casa'

Sono 150 i migranti che vivono nella baraccopoli di Ponte Mammolo, a due passi dalla stazione della metropolitana di Roma, dietro il capolinea degli autobus. La loro “casa” ora sono queste baracche. La maggior parte sono eritrei (tutti rifugiati politici, che scappati dalla dittatura sono finiti nel campo) ma ci sono anche etiopi, russi, polacchi, ucraini e romeni. Abitano in casotti di lamiera e plastica grandi poco più di due metri, hanno solo due bagni e una piccola doccia per lavarsi. Si muovono tra bottiglie, resti di cibo, pezzi di legno, calcinacci, lavandini abbandonati. In un susseguirsi di vicoli stretti, panni appesi ad asciugare e rifiuti di ogni genere. Questo reportage fotografico realizzato nel luglio 2013 in una delle favelas di Roma, va alla scoperta delle condizioni di vita di 149 uomini dai 30 ai 40 anni e di una donna (eritrea) che ‘abita’ in questo luogo con la figlia di tre anni. Su ogni porta, un numero dipinto in rosso: 48, 49, 50. Vai all'articolo
Stampa Stampa