:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Photogallery

Cerca
Cerca in tutto il sito in Photogallery
Stampa Stampa

Violenza e femminicidio: "Segni di un altro genere" in mostra a Bologna

Sono immagini a volte evocative, altre invece molto potenti e dirette come un pugno allo stomaco, quelle che fanno parte di “Segni di un altro genere”, la mostra allestita all’interno del Festival La Violenza Illustrata, rassegna  giunta all’ottava edizione e organizzata a Bologna dalla Casa delle donne per non subire violenza. Il Festival prende il nome da una citazione del poeta Nanni Balestrini, in cui viene descritta l’invariante di violenza presente nei media. Una brutalità di cui gli spettatori e i lettori diventano partecipi, loro malgrado, attraverso l’orrore di notizie e immagini cruente date in pasto ai loro occhi. L’obiettivo della Violenza illustrata è quello di affrontare i temi della discriminazione, dell’abuso e del sessismo senza mostrare corpi scomposti, sangue o immagini che ledono il corpo delle donne. Le tavole e i disegni, saranno in mostra fino all’11 dicembre 2013 presso la Sala d’Ercole di Palazzo d’Accursio (Piazza Maggiore). Sono stati realizzati da 37 artisti che hanno contribuito a raffigurare le diverse sfaccettature della violenza di genere. Alcune delle opere della seconda edizione partecipano a un’asta il cui ricavato andrà interamente a sostenere le attività e i servizi che la Casa delle donne eroga gratuitamente alle vittime di violenza.

Stampa Stampa