:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Photogallery

Cerca
Cerca in tutto il sito in Photogallery
Stampa Stampa

“Di volto in volto”: ritratti di uomini carichi di umanità

"Di volto in volto" è un progetto video-fotografico, ideato e realizzato da Giordano Viozzi (video maker e proprietario di Sushi Adv. Agenzia di video-comunicazione) e Marco Biancucci (fotografo e titolare di F for Fake e Cantiere 12 progetti) nel quale i due autori raccontano il sud delle Marche, i suoi personaggi, i loro volti, le loro incredibili storie. Per realizzare i documentari hanno esplorato città, piccoli centri, contrade, campi polverosi e luoghi lontani da tutto il resto, hanno incontrato “uomini leggendari, fuori dal comune, protagonisti di gesti e scelte incredibili, carichi di umanità e travolti da un’irrequieta energia creativa”. Il Cavalier Prato, autore del Parco della Fantasia di Macerata, eccentrico signore settantaquattrenne, ex vigile del fuoco, che offre una seconda chance agli oggetti da rottamare e con il suo aiutate “Caffelatte” li ricicla ‘ad arte’, il coraggioso Claudio, che in un periodo di crisi ha sentito forte il bisogno di ritornare alla terra per prodursi da solo ciò che consuma, e a 21 anni e fresco di iscrizione all'Università decide di acquistare un terreno e con l’aiuto di Giovanni, contadino locale di novanta anni, si dà all'agricoltura biologica più estrema ossia la “permacoltura”. Ed ancora: Peppecotto, Cifone, i forzati della strada, chicchirichì, padre Pietro, Pierino, Peppe, Nazzareno. I due autori hanno conosciuto la “bellezza ruvida e inafferrabile di un territorio unico”, l’hanno vissuta da vicino, ascoltata, guardata negli occhi e raccontata “di volto in volto”. Il risultato di questa esplorazione è stato un insieme di 14 ritratti, duri e comici, commoventi e malinconici allo stesso tempo. "Crediamo, spiegano gli autori, che il senso di questo progetto sia racchiuso anche in una frase di Pier Paolo Pasolini: 'la bellezza può passare per le più strane vie, anche quelle non codificate dal senso comune'”. Il progetto è anche su fb, youtube, flickr e vimeo. Vai all'articolo.

 

Stampa Stampa