:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Photogallery

Cerca
Cerca in tutto il sito in Photogallery
Stampa Stampa

"Drag King" donne travestite da uomini. Uno sguardo sui generi

“Drag King, uno sguardo sui generi” è l’esposizione realizzata da Alice Arduino, giovane fotografa torinese che lavora soprattutto sulle tematiche Lgbt. Gli scatti sono stati realizzati chiedendo a una serie di modelle, vestite in abiti maschili, di assumere atteggiamenti che nell’immaginario comune riconducono all’idea di virilità. Cecilia che diventa Charlie, Federica-Pablo, Giulia-Andrew, Maria-Mario e così via. Canotte da body builder che lasciano scoperte braccia tatuate, cravatte slacciate sopra camice con le maniche arrotolate. E poi baffi, jeans rigonfi, pose “intense” e molti altri simboli di quell’immaginario che è idealmente associato all’idea di mascolinità. "Drag King" nasce dall'espressione inglese usata per designare donne travestite da uomini che si esibiscono su un palco o in un locale, interpretando personaggi maschili famosi o anche solo stereotipi maschili, fenomeno nato tra la fine dell'Ottocento e i primi del Novecento seguendo le orme delle Drag Queen, ovvero gli uomini vestiti da donna per show e spettacoli". Le foto (in mostra fino al 6 maggio 2014 alla Feltrinelli della stazione di Porta nuova di Torino), sono raccolte nel volume “Il Re Nudo. Per un archivio Drag king in Italia” (Ets). Vai all’articolo

Stampa Stampa