:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Photogallery

Cerca
Cerca in tutto il sito in Photogallery
Stampa Stampa

Nicola, il boscaiolo amputato che è tornato a lavorare in montagna

Un incidente sul lavoro gli è costato il braccio destro. Ma Nicola De Martin Topranin è tornato al suo vecchio impiego. Grazie a un’incrollabile forza di volontà e all’aiuto dell’Inail. Che gli hanno permesso di adeguare il mezzo agricolo alla sua nuova situazione. Originario di Padola, un paese di mille anime in provincia di Belluno, ha passato gli anni migliori della sua vita a fare il boscaiolo tra le montagne delle Dolomiti: magnifico scenario naturale, ma anche fonte di lavoro per gli abitanti della zona. Classe 1962, Nicola racconta: «Era il 10 maggio del 2008. Sono rimasto impigliato all’albero cardanico del trattore». L’esito? Amputazione dell’avambraccio destro con lussazione del gomito. Ma «a metà settembre avevo già la protesi al braccio ed ero pronto a ricominciare». Però Nicola non riesce più a tagliare gli alberi. La soluzione arriva nel 2010, durante una fiera del legno in Austria, dove scopre l’esistenza di un nuovo mezzo agricolo dotato di una particolare gru per il carico e il trasporto del legname. La Sede Inail di Belluno ha concesso il rimborso per l’adattamento dei comandi della gru, perché possano essere usati con la mano sinistra. Vai All'articolo

 

 

Stampa Stampa