:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Photogallery

Cerca
Cerca in tutto il sito in Photogallery
Stampa Stampa

Dopo l'approdo: Immagini e parole sui richiedenti asilo in Italia

Una lunga documentazione iniziata in Sicilia e arrivata fino a Roma e Milano per raccontare con immagini e parole la storia dei richiedenti asilo approdati in Italia. È il progetto fotografico e di ricerca "Dopo l’approdo. Un racconto per immagini e parole sui richiedenti asilo in Italia" realizzato grazie al sostegno di Open Society Foundations, con la collaborazione del Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione "Riccardo Massa" dell’’Università di Milano-Bicocca. Nel reportage, campi d’accoglienza, abitazioni e insediamenti improvvisati, luoghi nati dall’abbandono istituzionale, spazi di transito e di incontro informale, come piazze o stazioni. Ma anche il lavoro – in molti casi fatto di espedienti e sfruttamento – che scandisce le attese, i rituali burocratici, la vulnerabilità sociale ed economica, riempendo il tempo successivo all’approdo.
Testi e fotografie che raccontano i campi d’accoglienza già esistenti come i CARA, e quelli nati durante la nuova emergenza profughi. Nelle immagini ci sono Trapani, Caltanissetta, Palermo e Catania dove i profughi sono approdati; ci sono gli arrivi a Roma e poi a Milano, con un’attenzione particolare ai transiti dei siriani dalla stazione centrale, e degli eritrei da Porta Venezia. 
Il progetto fotografico, realizzato nello spazio temporale che va dall’operazione Mare Nostrum a Triton, è stato coordinato da Barbara Pinelli docente di Antropologia dei Processi Migratori dell’Università Milano-Bicocca e Luca Ciabarri ricercatore in Antropologia dell’Università di Milano. La documentazione fotografica è stata realizzata da Alessandro Sala (CESURA), Giovanni Diffidenti e Alessio Genovese. Tutti gli scatti sono stati raccolti sul sito www.dopolapprodo.com e pubblicati in “Dopo l’approdo. Un racconto per immagini e parole sui richiedenti asilo in Italia” (edit press, Firenze 2015). 
 
Stampa Stampa