:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Photogallery

Cerca
Cerca in tutto il sito in Photogallery
Stampa Stampa

Come diventammo campioni: alle origini dello sport italiano per disabili

L’1 settembre 2016 (sede Inail, Roma) il Comitato italiano paralimpico presenta il progetto “Memoria Paralimpica” realizzato da Redattore sociale: un documentario, un archivio online e una mostra fotografica sulle origini e lo sviluppo dello sport per disabili in Italia: un viaggio indimenticabile nella storia del Paese che prende le mosse dall’esperienza pioneristica di sport-terapia portata avanti negli anni Cinquanta e Sessanta del secolo scorso dal dottor Antonio Maglio all’interno del Centro Paraplegici Inail di Ostia per arrivare fino ad alcuni dei più popolari campioni dei nostri giorni.
I “pionieri” erano operai, agricoltori, pastori provenienti da varie regioni d’Italia, che Maglio riuscì a coinvolgere in un progetto di riabilitazione e reinserimento sociale rivoluzionario. Ed erano tutte vittime di infortuni sul lavoro gravi e fortemente invalidanti, che sembravano aver tolto spazio a qualsiasi speranza. Negli anni seguenti l’eredità di Antonio Maglio è stata raccolta e sviluppata dal Comitato Italiano Paralimpico. Grazie all’impegno del Cip, oggi come ieri, tanti campioni paralimpici si sono fatti conoscere in Italia e nel mondo, conquistando l’opinione pubblica anche per le straordinarie qualità umane, oltre che per l’eccellenza delle prestazioni atletiche.
Il progetto “Memoria paralimpica” ha raccolto  e messo a disposizione dell’intera collettività oltre 900 foto d’epoca in gran parte inedite. Ne presentiamo un piccolo campione. VAI ALL’ARTICOLOVAI AL PROGRAMMA DELL’EVENTO

Stampa Stampa