:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Video

Cerca
Cerca in tutto il sito in Video
Stampa Stampa

Visit India: i Sikh di Sabaudia tra riti, colori e “solitudine”

Durata: 3' 19''

Visit India: i Sikh di Sabaudia tra riti, colori e “solitudine”
Un racconto in presa diretta della comunità Sikh di Sabaudia, una delle più importanti d’Italia: i colori, i riti religiosi ma anche le solitudini e lo spaesamento di chi ha abbandonato il proprio paese e si trova a vivere una realtà spesso ostile. E’ “Visit India”, documentario di Patrizia Santangeli che verrà proiettato il 17 giugno 2012 all’interno del tempio sikh della cittadina laziale, lo stesso luogo nel quale sono state realizzare gran parte delle riprese. La regista ha scelto di girare direttamente le riprese, scelta che le ha permesso di avere una relazione più spontanea, quasi “giocosa” con i Sikh. “Sono partita lasciando a casa i pregiudizi, positivi e negativi, ma soprattutto senza una meta, cercando di guardare con occhi più aperti uno spazio fatto di persone, paesaggi, strade nuove e storie semplici - racconta”. Il documentario evita di indugiare sul disagio per non strumentalizzare situazioni e persone: gli immigrati sono uomini e donne come noi che, in più, “meritano il rispetto tributato ai coraggiosi”. Sono loro “che per migliorare il tenore di vita della propria famiglia hanno lasciato affetti e sicurezze” e  che “lavorano a testa bassa per tre euro l’ora e aspettano il giorno che li riporterà in India o che li farà sentire a casa anche qui, in Italia”. Presentiamo un estratto del documentario.
Stampa Stampa