:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Video

Cerca
Cerca in tutto il sito in Video
Stampa Stampa

Tredici transessuali nel Cie di Milano. La storia di Samantha

Durata: 3' 36''

Tredici transessuali nel Cie di Milano. La storia di Samantha
“Voglio uscire di qui, non ho fatto niente di male. È assurdo che si possa restare fino a 18 mesi”. Samantha, 34 anni, è una delle 13 transessuali brasiliane trattenute nel Cie di via Corelli a Milano. Redattore sociale l'ha intervistata, il 19 luglio 2012. Si tratta del secondo giorno di apertura del Cie alla stampa. Da 2010, nella struttura era infatti vietato introdurre cellulari e qualsiasi mezzo di registrazione audio o video. “Sono qui da una settimana, ma ci sono già stata per 25 giorni nel 2008 – racconta – quando la situazione era migliore: c'era un laboratorio di pittura, c'erano più cose da fare”. Ora invece, afferma “è un'eterna noia”, le giornate passano tutte uguali, in un limbo di cui non si conosce la fine". Samantha non si lamenta dell'assistenza, né della polizia. “Gli operatori della Croce Rossa sono gentili con noi – dice – ci trattano come esseri umani”. Ma descrive stanze e bagni in cattive condizioni, con docce e rubinetti rotti. “Dovrebbero chiudere il settore per un po' e ristrutturarlo – afferma – per darci un po' di dignità: siamo stranieri, non criminali”.
Stampa Stampa