:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Video

Cerca
Cerca in tutto il sito in Video
Stampa Stampa

Le recensioni di un adolescente catturano il web: Lorenzo ci racconta l'“Accabadora”

Durata: 12' 43''

Le recensioni di un adolescente catturano il web: Lorenzo ci racconta l'“Accabadora”
Girando sulla rete si possono trovare casi straordinari di piccoli e appassionati lettori, è il caso di Lorenzo di Tortolì (Sardegna) classe 1998 che non solo “leggerebbe fino allo svenimento” ma condivide la sua passione sul web attraverso i canali più conosciuti, da youtube al blog, passando naturalmente per twitter (@Thutiu98, con accesso protetto). In occasione della “Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore” organizzata ogni anno il 23 aprile con numerose manifestazioni in tutto il mondo, proponiamo l’esempio concreto di un adolescente che non solo legge molto, ma condivide con gli altri la sua passione attraverso un uso corretto della rete. Un ragazzino sveglio e divertente che divora libri e ce li racconta. Il suo canale YouTube avviato nel 2011 quando aveva appena 13 anni, ha quasi trecento iscritti e 23 mila visualizzazioni. E un titolo accattivante: “IMieiLibriLaNotteSiAnimano”. Lo stesso nome dato al blog, aperto, come dice in un divertente video, per consentire a tutti di leggere le recensioni senza necessariamente dover vedere la sua faccia. Oltre venti i video pubblicati, da “Novecento” di Alessandro Barricco a “Dieci piccoli indiani” di Agatha Christie, da “Carrie” di Stephen King ad “Angeli e demoni” di Dan Brown. Quella che proponiamo è la recensione del “Accabadora” di Michela Murgia, libro edito da Einaudi vincitore del premio Campiello 2010. “Il nostro mondo lo salveranno i ragazzini come te – scrive su Fb la stessa Murgia dopo aver letto la recensione che Lorenzo ha postato parlando del suo libro - che vanno in camera loro, leggono i libri, aprono un canale su YouTube e li raccontano al mondo come una cosa appassionante, in barba a tutti i sociologi che vorrebbero spiegarci come sono ‘i giovani d'oggi’. Grazie di esserci”. Vai all'articolo.
Stampa Stampa