:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Video

Cerca
Cerca in tutto il sito in Video
Stampa Stampa

L’Hiv? Un mostro che non spaventa più: la campagna virale di Nps Italia

Durata: 3'

L’Hiv? Un mostro che non spaventa più: la campagna virale di Nps Italia
Hivo è un mostro che negli anni ha terrorizzato e ucciso milioni di persone, dominando le prime pagine dei giornali di tutto il mondo. E' stato il più famoso e temuto serial killer in circolazione. Ha tenuto in scacco gli esperti più brillanti che ancora oggi cercano una formula che lo annienti definitivamente. Ha colpito indistintamente persone di ogni razza e rango, vittime comuni e personaggi famosi dello spettacolo, della politica, dello sport. Da qualche tempo però, la gente e i giornali non parlano più di lui, come se non esistesse più. Eppure lui, Hivo, è ancora in circolazione e continua silenziosamente a colpire… Hivo è una metafora dell’Hiv, il virus dell’Aids. Nps Italia Onlus, associazione fondata da persone sieropositive ha scelto di affrontare l’emergenza dell’aumento delle infezioni legate all’Hiv e alle infezioni  sessualmente trasmissibili attraverso questo personaggio grottesco, protagonista di una campagna di informazione, prevenzione, sensibilizzazione e incentivazione al Test concepita grazie al contributo educazionale dell’azienda Gilead. Sei brevi episodi virali in cui il fantasma dell’Aids si aggira per le vie della città cercando di attirare l'attenzione delle persone che lo ignorano, lo scansano e lo guardano con sufficienza. Eppure lui è ancora pericoloso e sa di poter far male. Come si legge alla fine di ogni episodio: “4 mila sieropositivi in più ogni anno e molti altri non sanno di esserlo”.  Il messaggio è chiaro: “L’Hiv non spaventa più? Invece dovrebbe. Fai il Test. Evita un incubo”. Presentiamo il primo episodio e l'epilogo. Vai all'articolo.
Guarda tutti i video su http://npsitalia.net/article2896.html
Stampa Stampa