:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Video

Cerca
Cerca in tutto il sito in Video
Stampa Stampa

Ascensori spenti nella metro: la storia di Mara

Durata: 1'59''

Ascensori spenti nella metro: la storia di Mara

Nella metro B di Roma gli ascensori sono presenti in ogni stazione. Eppure le persone disabili, le mamme con i passeggini, i turisti carichi di valigie li trovano sempre spenti. Il motivo? Mancano gli addetti in grado di azionarli. Così chi non può scendere le scale deve rivolgersi al personale del box all’ingresso e aspettare che rintraccino “l’omino dell’ascensore” che si sposta di stazione in stazione ogni volta che viene chiamato. L’attesa può durare anche un’ora. Un disservizio grave soprattutto per chi come Mara Ruggieri, 67 anni, si sposta su una sedia a ruote e utilizza la metro per andare dal medico. Mara ha solo poche ore a settimana in cui può uscire accompagnata dall’assistente domiciliare e passa la maggior parte del tempo ad aspettare l’ascensore. Vai all'articolo

Stampa Stampa