:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Video

Cerca
Cerca in tutto il sito in Video
Stampa Stampa

Vita sotto assedio, la rete antimafia incontra il pentito Bonaventura

Durata: 4' 50''

Vita sotto assedio, la rete antimafia incontra il pentito Bonaventura

Sotto assedio: ecco come vive a Termoli la famiglia di Luigi Bonaventura, ex reggente della cosca Vrenna Bonaventura, dal 2007 collaboratore di giustizia. Ha già ricevuto diverse proposte per ritornare al suo vecchio mestiere di criminale. Invece, oggi Bonaventura testimonia in nove procure, da Catanzaro a Bologna, alla Direzione nazionale antimafia e alla procura di Stoccarda, in Germania. Ha cominciato a uccidere nel '92, a 21 anni, e vuole che lo stesso destino non tocchi anche ai suoi due figli, un bambino e una bambina di 11 e 8 anni. E così si è dissociato dalla 'ndrangheta: è diventato pentito. La moglie lo sostiene passo dopo passo. E ora può contare anche sull'appoggio di un gruppo di giovani che fanno parte della rete antimafia di Brescia: a fine luglio 2013 sono andati a trovarlo nella sua casa di Termoli, per esprimergli solidarietà e vicinanza. Il video di Lorenzo Bagnoli racconta questo viaggio: dalla Lombardia al Molise per non lasciare solo chi ha scelto non solo di abbandonare la vita criminale, ma anche di combattere le cosche. Leggi l'articolo
Vai al Blog "Mafie in Lombardia"

Stampa Stampa