:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Video

Cerca
Cerca in tutto il sito in Video
Stampa Stampa

"Il pane a vita": tre cassaintegrate e la fine di un modello di lavoro

Durata: 1' 36''

Ad ottobre 2012 chiude, dopo 123 anni, il cotonificio Honegger di Albino, nella media valle bergamasca, dove il lavoro è una religione. Al cotonificio il posto al telaio si passava di madre in figlia e le neoassunte avevano la certezza di aver trovato “ol pà ‘n véta”, il pane a vita. Seguendo per un inverno la vita quotidiana di tre operaie in cassa integrazione, il film “Il pane a vita” di Stefano Collizzolli, racconta il tramonto, ormai definitivo, di un modello di lavoro e di società e il vuoto che ne segue. Un passaggio che riguarda l’Italia intera, che ha perso un quarto della sua capacità industriale negli ultimi cinque anni. Un passaggio che l’Italia non ha ancora lucidamente affrontato: ora che è finito il pane, come ci reinventiamo la vita?
Il documentario, prodotto da ZaLab con Caritas diocesana bergamasca e Fondazione Bernareggi, sarà presentato in anteprima nazionale giovedì 5 dicembre 2013 al cinema Conca Verde a Bergamo, venerdì 6 dicembre all’auditorium San Fedele a Milano e sabato 7 dicembre al cinema Trevi a Roma. Tutte le proiezioni sono ad ingresso libero. Il film sarà inoltre in programmazione in anteprima sul sito di ZaLab i giorni 5, 6 e 7 dicembre dalle 21.00 alle 24.00. Vai all'articolo

 

Stampa Stampa