:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Video

Cerca
Cerca in tutto il sito in Video
Stampa Stampa

Basket in carrozzina per curare le ferite della guerra, ecco la nazionale afgana

Durata: 1' 16''

Basket in carrozzina per curare le ferite della guerra, ecco la nazionale afgana

Hanno tra i 18 e i 32 anni. Le loro sedie a ruote sportive sono azzurre, le loro maglie arancio. Sono gli atleti della la nazionale di pallacanestro in carrozzina dell’Afghanistan. La maggior parte non è mai uscita dallo Stato, qualcuno si è spinto al massimo fino al Pakistan. Nessuno è mai andato oltre, nessuno ha mai visto il mare. Fino al maggio del 2014, quando sono atterrati a Bologna a Exposanità allo stand del Cip (Comitato italiano paralimpico) dell’Emilia-Romagna per il loro primo torneo internazionale e poi sono andati a Rimini: lì hanno conosciuto il mare. Per lo più sono feriti di guerra: civili saltati su mine, colpiti da un proiettile o da un’esplosione. Tre sono poliomielitici, una malattia che in Afghanistan è ancora dura da sconfiggere. Grazie allo sport ora stanno vivendo un grandissimo cambiamento. Vai all'articolo

Stampa Stampa