:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Video

Cerca
Cerca in tutto il sito in Video
Stampa Stampa

Una donna contro la miniera: Máxima resiste nei suoi 24 ettari farciti d'oro

Durata: 16' 46''

Una donna contro la miniera: Máxima resiste nei suoi 24 ettari farciti d'oro

Da 24 anni, Máxima Acuña Chaupe, 44 anni e meno di un metro e cinquanta di altezza, vive a Tragadero Grande, nei suoi 24,8 ettari farciti d’oro, e non intende andarsene. La donna vive a 4200 metri, nelle Ande peruviane, e nel cuore di Conga, il progetto di espansione di Yanacocha, la miniera aurifera più grande dell’America Latina, proprietà della multinazionale statunitense Newmont. Maxima ha un sogno: continuare a vivere tra le sue montagne. Anche Yanacocha ha un sogno: accaparrarsi le terre di Maxima necessarie all’espansione.  In gioco non ci sono solo interessi personali, ma la sopravvivenza dell’ecosistema andino. Ed è per questo che Maxima non lascia la sua terra, nonostante le violenze fisiche e psicologiche che subisce quotidianamente. La sua storia è stata raccontata da Simona Carnino nel video “Aguas de oro” presentato il 7 ottobre 2015 al Festival Cinemabiente di Torino. Il cortometraggio ha vinto il primo premio del progetto europeo Dev Reporter Grant, è stato realizzato con la collaborazione della ong torinese Mais e ha ricevuto il patrocinio di Amnesty International. Vai all'articolo

 

Stampa Stampa