:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Redattore Sociale

Newsletter Newsletter Seguici su Facebook Twitter Google+ Rss

Video

Cerca
Cerca in tutto il sito in Video
Stampa Stampa

Disabilità e sport: Sofia Rocks, inviata speciale. La web serie

Durata: 14'

Disabilità e sport: Sofia Rocks, inviata speciale. La web serie

La web serie Sofia Rocks – Inviato speciale racconta un viaggio di cinque puntate nel mondo della disabilità. Un viaggio raccontato da dentro, poiché a condurlo è una giovane donna disabile: Sofia Righetti. La prima puntata si muove dentro al mondo dello sport per disabili e alle tecnologie che li supportano, partendo proprio dalla storia di un’atleta paralimpica: la portabandiera della Nazionale italiana Martina Caironi. Sofia la incontra durante un allenamento di preparazione alle Paralimpiadi di Rio 2016, e insieme si confrontano sull’importanza degli ausili che le hanno aiutate a diventare campionesse. Ma dietro un grande atleta, c’è sempre uno staff esperto di tecnici e ingegneri. Nel caso di Martina Caironi si tratta dell’ingegnere Gennaro Verni, direttore tecnico del Centro protesi Inail di Vigorso di Budrio (Bologna), che la segue dal 2011. Sofia visita quindi il Centro e, camminando per i lunghi corridoi, scopre le diverse attività qui praticate. Perché la pratica sportiva ha un ruolo fondamentale anche nel percorso di riabilitazione, come spiega l’assistente sociale specialista INAIL, Ilaria Giovannetti. Lo sport ti aiuta a ripartire, a scoprire te stesso. È passione e divertimento. E questo vale per tutti, non solo per le persone con disabilità. Per questo Sofia chiude questa puntata al campo da calcio del Bologna Football Club, dove ad aspettarla c’è il mister Roberto Donadoni.

LEGGI ANCHE
“Sofia Rocks”, il 22 novembre debutta la web serie che racconta la disabilità
"Sofia Rocks", la web serie che racconta il mondo della disabilità

Stampa Stampa