:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Claudio Rosi ha vinto la battaglia: è il primo allenatore disabile in Italia

-

21 febbraio 2001

ROMA - Il 21 febbraio è una data storica per il calcio italiano. Nessuna coppa, nessuna vittoria eclatante. Nessun calciatore ha firmato un contratto miliardario. Claudio Rosi ha conseguito il patentino di allenatore di base per allenare squadre di calcio. Sarà il primo allenatore su una sedia a ruote in Italia e in Europa.

"Sono felicissimo - ha esclamato Claudio appena venuto a conoscenza della notizia - questa, senza dubbio, è la più grande vittoria della mia vita. E' una vittoria dal significato particolare che condivido con tutte quelle persone che come me vivono la condizione di disabili. E' stato compiuto solo un piccolo passo verso l'abbattimento di quelle barriere culturali che ancora sopravvivono nella società e nello sport in particolare. La mia battaglia non si ferma qui. Continuerò ad alzare la voce affinchè altri disabili come me ottengano vittorie importanti come questa di oggi".

Claudio Rosi ha iniziato la sua battaglia nell'aprile del 1997 dopo il tragico incidente che lo ha reso paraplegico con infermità permanente. Claudio, in passato, è stato un calciatore professionista, disputando 200 partite in serie C. Un anno dopo l'incidente prende la decisione di diventare allenatore di calcio. Presenta più volte la domanda per prendere parte ai corsi per conseguire il patentino da allenatore di base che gli permetterebbe di allenare almeno le squadre dilettanti. Gli vengono opposti sempre inspiegabili rifiuti, come inspiegabile è il suo esonero dalla squadra di terza categoria del Monte Antico dopo tre vittorie ed un pareggio. Claudio non si arrende e nel dicembre 2000 viene accettato al corso allenatori organizzato dal Comitato provinciale di Livorno della Figc. Il corso si svolge a Piombino dal 15 gennaio al 17 febbraio.

Claudio viene ammesso alle prove finali, ma l'unico problema è che non può sostenere la prova pratica, per ovvi motivi, come viene richiesto per il conseguimento del patentino. Serve una deroga da parte del Presidente del CONI e Commissario straordinario della Fgic Gianni Petrucci. La deroga evidentemente è arrivata. Da oggi Claudio Rosi è allenatore a tutti gli effetti. (Vincenzo Savignano)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Coni, Sport

Stampa Stampa