:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Servizi salute mentale: pronto soccorso punto di riferimento per i migranti, in crescita Tso

20 febbraio 2004

PRATO - E’ fondamentale anche il “capitale sociale” a disposizione dei pazienti osservati. Meno della metà di essi ha la famiglia a Prato o altri parenti in Italia, la stragrande maggioranza continua a mantenere una qualche forma di contatto, prevalentemente di natura occasionale, con la famiglia d’origine. E “la funzione contenitiva del disagio svolta dalla presenza della famiglia è confermata dal fatto che, a fronte di un’incidenza dei ricongiungimenti familiari sul totale dei permessi di soggiorno rilasciati nella provincia stimata intorno al 30%, soltanto il 18% dei pazienti del campione dichiara di soggiornare per motivi familiari”. Ma quali sono i servizi a cui le persone oggetto della ricerca si rivolgono, e le principali tipologie riscontrate? E’ questo il focus della seconda parte dell’indagine, da cui il Pronto Soccorso risulta il punto di riferimento principale per i ricorsi alle cure formali da parte dell’utenza migrante. Tale ruolo è aumentato nel corso dei tre anni presi in considerazione dall’indagine “ma si tratta di ricorsi, dato il carattere psichiatrico dell’intervento, a rischio elevato di inappropriatezza per un servizio di emergenza – urgenza, quale è il pronto soccorso”.

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa