:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

In Toscana raddoppiato il tasso di donazioni. L'assessore Rossi: ''Siamo di fronte a un dato eccellente''. Dal 10 al 16 maggio iniziative e incontri in tutta la regione

07 maggio 2004

firenze – In Toscana il tasso di donazione degli organi è più che raddoppiato: da 12 donatori per milione di abitanti nel ‘97-‘98 a 27,2 l’anno scorso e a 30 donatori circa nel 2003. Nel 2003, inoltre, sono stati trapiantati in Toscana 266 organi, il 18,2% in più rispetto all’anno precedente. Nel febbraio del 2004 sono stati superati i 500 trapianti di fegato nel programma regionale toscano da parte del Centro di Pisa. Sono questi alcuni dei dati più significativi in evidenza alla vigilia della Settimana della donazione e del trapianto di organi che si svolge dal 10 al 16 maggio. Numerose  le iniziative delle Asl in tutte le province e quelle regionali sabato 15 maggio (in piazza Santa Croce a Firenze) e domenica 16 (in piazza della Signoria: arrivo della carovana della donazione e della staffetta non competitiva).

 

“Siamo di fronte a un dato eccellente, che premia una scelta di fondo compiuta dal Piano sanitario regionale – ha sottolineato l’assessore per il diritto alla salute Enrico Rossi – cioè quella di assicurare a un numero sempre più elevato di cittadini toscani la possibilità, quando necessario, di accedere al trapianto. Il 29 luglio 2003 abbiamo approvato una riorganizzazione del sistema, il 29 marzo scorso la giunta regionale ha fissato principi guida, obiettivi di sistema, assetto organizzativo e responsabili dell’Organizzazione Toscana Trapianti. Tutto questo, e soprattutto i risultati raggiunti in questi anni, è stato reso possibile dall’impegno profuso da tutti gli operatori del Sistema Sanitario Regionale e grazie allo stimolo e al sostegno costante che abbiamo ricevuto dalle associazioni di volontariato, Aido, Admo, Adisco. Oggi in Toscana chi ha bisogno di un trapianto trova a casa propria una risposta a livello europeo e ha la possibilità di poter scegliere, senza essere obbligato ad andarsene fuori regione o addirittura in un altro paese”.

 

La scelta di riorganizzare donazione e trapianto attraverso la creazione della Organizzazione Toscana Trapianti (OTT) permette di dare un assetto di sistema alla trapiantologia toscana e di inserirla definitivamente in un contesto europeo, pronta alle sfide organizzative e tecniche ormai in corso, hanno sottolineato gli amministratori. Per il sostegno dell’attività di trapianto e prelievo di organi e tessuti la Giunta Regionale ha assegnato un fondo speciale finalizzato. L’importo complessivo per il triennio 2002-2004 è di oltre 20 milioni di euro (quasi 40 miliardi di lire), ripartiti in 6,71 milioni di euro (13 miliardi) per ciascun anno. Si sono infine sviluppate alcune Banche dei Tessuti, che nell’insieme formano la Banca Regionale della Toscana, di gran lunga la maggiore d’Italia ed una delle più importanti d’Europa.  

 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa