:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Centro d’ascolto per uomini che maltrattano le donne: prime richieste

Sono già 5 le chiamate al Cam, la prima struttura italiana per uomini violenti nata la scorsa settimana a Firenze. In tre casi sono state le donne a chiedere aiuto per il partner. Staff formato da psicologi, psicoterapeuti e psichiatri

15 ottobre 2009

FIRENZE - Sono già cinque le richieste d’aiuto pervenute al Cam, il primo centro italiano di ascolto per uomini maltrattanti nato la scorsa settimana a Firenze grazie all’associazione Artemisia. Tre di questi contatti provenivano da donne che chiedevano aiuto per il proprio partner. Altre due provenivano direttamente da uomini. Il centro, realizzato in collaborazione con la Asl 10 di Firenze e un finanziamento del Cesvot Innovazione, intende aiutare gli uomini che commettono violenze fisiche o psicologiche nei confronti del partner a prendere coscienza del loro problema e a modificare il loro comportamento. Il centro di ascolto si avvale di uno staff di 14 persone tra psicologi, psicoterapeuti e psichiatri. E’ attivo tutti i giorni (9-12 e 15-18) il numero verde 800-805050. L’uomo che si rivolge al centro per essere aiutato viene sottoposto ad un colloquio valutativo e poi inserito in un gruppo condotto da un operatore maschio, all’inizio, e poi co-condotto anche da un’operatrice. La struttura è pronta a prendere in carico anche le partner degli uomini che si rivolgono al centro.

L’innovativo progetto nasce da uno slogan molto significativo: “Violenza contro le donne: e se a cambiare fossero gli uomini?” Centri di ascolto e di aiuto rivolti agli uomini autori di violenza sono da decenni attivi in molti paesi europei. In Italia, raccontano all’associazione Artemisia, 1 donna su 5 è vittima di violenza da parte del partner o ex partner. Situazione che non è andata migliorando se il dato degli omicidi femminili, aggiungono, nel 2008 è di 113 donne.

© Copyright Redattore Sociale

Ti potrebbe interessare anche…

Stampa Stampa