:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

A Treviso operatori a disposizione dei giovani nei luoghi di aggregazione

16 dicembre 2010

TREVISO - Sono 420 le persone (tra i 16 e i 39 anni) che si rivolgono al Servizio per le Tossicodipendenze dell’Azienda Ulss 9 di cui 23 dipendenti da nuove sostanze psicoattive. È lo scenario entro cui prenderà forma il progetto “Safe Night”, che partirà dal 17 dicembre in alcune località del territorio: operatori esperti in dipendenze saranno a disposizione dei giovani nei luoghi di aggregazione e divertimento per un’attività di prevenzione e sensibilizzazione. L’iniziativa prevede la collaborazione dell’Ulss 9 con il comune di Treviso, l’Ascom e il progetto “Blu Runner” di Vicenza, sotto il cui logo sarà identificabile.
In questa occasione sarà anche sperimentata la “Go card”, che permette di registrare i dati relativi all’alcol test e di monitorare gli spostamenti dei giovani fra i vari locali della regione Veneto. La “Go card” è una scheda informatizzata contenente alcuni dati anagrafici che permette l’identificazione e quindi il continuo monitoraggio statistico nel rispetto dell’anonimato. (gig)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa