:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Londra, il nuoto chiude con un quinto e un sesto posto

Nell’ultima giornata in vasca, Cecilia Camellini non è andata oltre un sesto posto nella finale dei 200 metri misti, categoria SM11. Quinto posto per Emanuela Romano nei 100 stile libero

08 settembre 2012

LONDRA – Penultima giornata di gare alle Paralimpiadi di Londra. L’Aquatics Centre si riempie di calore. E in uno di quei pomeriggi in cui i record del mondo cadono come foglie, c’è spazio anche per un significativo spicchio di azzurro. Una presenza importante, ma affaticata. E non poteva essere diversamente visti i grandi risultati ottenuti in queste due settimane di gare. Cecilia Camellini non va oltre un sesto posto nella finale dei 200 metri misti, categoria SM11. L’azzurra si era qualificata per la finale con il quarto tempo (3.01.73), giungendo seconda nella sua batteria. Una mattinata nel corso della quale la tedesca schulte aveva fatto registrare anche il nuovo record del mondo.

In finale Cecilia ha tenuto nella prima frazione a farfalla, è sembrata recuperare nel dorso, poi ha ceduto nella rana e a nulla è valso il tentativo di forcing finale. Sesto posto con il tempo di 3.01.86, quasi identico a quello della mattinata. Ha vinto l’oro a sopresa la neozelandese Mary Fisher, che con 2.46.91 ha stabilito anche il nuovo record del mondo. Seconda e argento la tedesca Schulte con 2.49.57. Terza, medaglia di bronzo, la canadese Amber Thomas con 2.59.00 Emanuela Romano ci ha provato. La nuotatrice, nella finale dei 100 stile libero, categoria S6, ha centrato la quinta posizione con il tempo di 1.19.54, vale a dire un secondo esatto meno di quanto impiegato in mattinata nella gara di qualificazione, quando era giunta terza nella propria batteria. La Romano ha fatto una buonissima gara, tenendo botta alle prime della classe e cercando nel finale, con un’ultima vasca di ottimo livello, di recuperare anche del terreno. Però ormai i piazzamenti erano ben definiti. Primo posto in cassaforte per l’americana Victoria Arlen, capace di migliorare ulteriormente il record del mondo da lei detenuto e abbassandolo a 1.13.33. Seconda posizione e medaglia di argento per la padrona di casa, letteralmente osannata dal pubblico, vale a dire Eleanor Simmonds, col tempo di 1.14.82. Bronzo alla tedesca Tanja Groepper, col tempo di 1.16.83.

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Paralimpiadi 2012

Stampa Stampa