:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Uganda: sanità pubblica sul letto di morte. Pesano scarsità di fondi, personale e corruzione

La sanità gratuita è, in teoria, disponibile per tutti ma nella pratica il sistema statale, dove migliaia di posizioni per dottori ed infermieri rimangono vacanti, è così malridotto che i pazienti si rivolgono sempre più spesso a strutture private

24 settembre 2012

In esclusiva da News from Africa
NAIROBI – In Uganda il governo si sforza di raggiungere l’obiettivo di costituire una nazione con una buona sanità. La sanità gratuita è, in teoria, disponibile per tutti ma nella pratica il sistema statale, dove migliaia di posizioni per dottori ed infermieri rimangono vacanti, è così malridotto che i pazienti si rivolgono sempre più spesso a strutture private.
La crisi nel settore della sanità pubblica ha portato a minacce da parte dei membri del parlamento di bloccare il budget del prossimo anno a meno che il governo non trovi ulteriori 260 miliardi in scellini ugandesi (103 milioni di dollari statunitensi) per assumere personale ed rinnovare i fatiscenti centri sanitari. “Dobbiamo trovare soldi per porre fine alle morti materne”, ha affermato Sam Lyomoki, che presiede il Comitato parlamentare per i Servizi sociali. L’alto tasso di mortalità materna in Uganda, corrispondente a 430 morti ogni 100 mila nascite, ha portato degli attivisti a fare causa al governo.

Secondo Lyomoki, il settore sanitario rappresenta l’8% della spesa governativa, a malapena la metà degli impegni presi nella Dichiarazione di Abuja del 2001, secondo la quale i leaders africani promettevano di spendere il 15% dei budget nazionali nel settore sanitario. C’è bisogno di “interventi seri, davvero seri”, ha affermato Diana Atwine, direttrice dell’Unità Nazionale di Monitoraggio sulla Fornitura di Medicinali e Servizi Sanitari.
John Okwonga, ispettore sanitario nel distretto settentrionale di Amuru, che ha un unico dottore statale per una popolazione di 234 mila abitanti, ha affermato che “la maggior parte delle unità sanitarie nei villaggi sono a corto di personale. Non hanno abbastanza personale sanitario per diagnosticare e somministrare cure alle persone malate… I centri sanitari hanno esaurito i medicinali. Pensi che sia facile per un dottore lavorare in un posto del genere, senza alloggio, attrezzature mediche e personale di assistenza?”, ha chiesto.

La corruzione dilaga, secondo l’Unità nazionale di monitoraggio della Consegna di medicinali e serizio sanitario, che in un report del 2011 osservava che, nonostante le politiche di sanità gratuita negli ospedali pubblici, sono stati rilevati numerosi servizi che “facevano pagare i pazienti anche per servizi base”.
“Quando vieni per una cura, i dottori ti diranno che l’ospedale è a corto di medicine ma ti manderanno in una clinica dove puoi comprare le medicine”, ha raccontato Kimulula Semanda, residente nel distretto Wakiso nell’Uganda Centrale. Per una consultazione apparentemente gratuita per suo figlio, Semanda ha dovuto pagare il dottore il corrispettivo di 10 dollari. “Quelli che possono permetterselo di solito vanno nelle cliniche private per le cure”, ha aggiunto Okwonga.
I fornitori di assistenza sanitaria privata costituiscono il 46% di tutte le strutture sanitarie in Uganda, secondo stime governative. “La questione importante è che il settore privato è molto più efficiente di quello pubblico - ha detto Ian Clarke, che presiede il consiglio della Federazione ugandese della sanità (Uhf), un gruppo di compagnie ed associazioni sanitarie -. Puoi prendere la stessa quantità di fondi, e puoi probabilmente fornire un servizio molto migliore”.
Anche gli standard dei servizi possono variare in maniera considerevole: in Uganda, l’informe settore privato include cliniche private, grandi ospedali, negozi di medicinali e guaritori tradizionali senza nessun istituto di sorveglianza specifico. Clarke afferma che l’Uhf sta cercando di introdurre standard etici trasversali e di avviare un processo di autoregolamentazione affinché ciò possa fornire ai pazienti un livello affidabile delle cure se si recano presso strutture certificate.
(Vedi il lancio successivo)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa