:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Torna il Festival del Volontariato. “L’Italia riparta dalla solidarietà”

Si terrà a Lucca dall'11 al 14 aprile, sotto lo slogan “Dentro tutti”, l’edizione 2013 del Festival dedicato al mondo del volontariato. Attesi oltre 400 ospiti, 150 organizzazioni partecipanti e mille volontari. Patriarca: “Sarà un segnale di solidità"

26 marzo 2013

ROMA – Il volontariato è fondamentale per attuare la Costituzione e per uscire dalla crisi. È questo l’appello lanciato durante la presentazione dell'edizione 2013 del “Festival del Volontariato - Villaggio Solidale” tenutasi questa mattina a Roma, presso Palazzo Altieri, sede del Banco Popolare.  L'evento, che si svolgerà a Lucca dall'11 al 14 aprile, vedrà quattro giorni di eventi, più di cento appuntamenti culturali, circa 400 fra relatori e ospiti d'eccezione, un migliaio di volontari coinvolti e 150 organizzazioni partecipanti tra le quali CSVnet, Forum nazionale del Terzo settore e Convol.
 
Sarà l’antico complesso monumentale del Real Collegio ad accogliere i partecipanti al Festival, per confrontarsi sul rapporto tra volontariato e scuola, sul futuro del servizio civile e dei movimenti per la pace, sulle prospettive della Protezione civile ed altro ancora in un appuntamento ricco di presentazioni di libri, spettacoli teatri, proiezioni ed eventi musicali. “Il Festival si colloca in un momento delicato della vita del Paese – ha aggiunto il presidente del Centro nazionale per il volontariato
Edoardo Patriarca -. Sarà un segnale di solidità e di presenza dal mondo del volontariato e del Terzo settore rispetto alla fatica che la politica sta vivendo in questi mesi. Sono giornate collocate provvidenzialmente al posto giusto, noi daremo testimonianza che c’è ancora il buon Paese fatto di persone operose, di gratuità, di cultura, di un’idea di Paese, di democrazia, di comunità”. 
 
Logo e slogan del Festival scelti per comunicare il concetto dell’accoglienza. Una città con le braccia aperte e il motto “Dentro tutti” distingueranno l’edizione 2013 da quelle passate. “Crediamo che si debba ridire ancora una volta che questo nostro Paese può pensare anche ad un suo futuro con speranza se non lascia indietro nessuno – ha aggiunto Patriarca -, in particolare gli ultimi che stanno facendo fatica. Crediamo che il volontariato abbia sempre testimoniato il valore dell’accoglienza. Ma bisogna anche dire che non siamo soltanto persone generose e che stanno sulla frontiera. Il volontariato e il Terzo settore sono portatori di una cultura nata nello stare insieme agli altri e nell’accompagnargli. Non c’è solo il cuore, ma c’è anche la testa. Siamo un soggetto pubblico, un soggetto culturale”.
 
Tra le novità del Festival, sia la location che alcuni eventi in programma. “Quest’anno abbiamo introdotto alcune novità rispetto alle precedenti edizioni – ha aggiunto Petrarca -: la prima è che vivremo il festival dentro la città di Lucca, mentre nelle precedenti edizioni era collocato in una struttura periferica. La seconda novità sarà quella delle lactio magistralis per tentare di spiegare alcune parole che il volontariato mette in evidenza, come la giustizia, il dono, legalità, la cooperazione, il benessere e tante altre”. Le “parole da riconquistare”, saranno affidate ad ospiti d'eccezione come don Giacomo Panizza della Comunità Progetto Sud di Lamezia Terme, Enzo Bianchi, priore della Comunità monastica di Bose, Linda Laura Sabbadini dell'Istat, i giornalisti Luca Telese e Franco Bomprezzi,  il presidente emerito della Corte Costituzionale Giovanni Maria Flick  e altri ancora. 
 
Durante le quattro giornate, inoltre, sarà presentato il progetto 
"DentroTutti", promosso dal Cnv in collaborazione con Smemoranda, Zelig e l'agenzia M&C: un percorso di comunicazione e sensibilizzazione rivolto ai giovani cittadini italiani per la promozione della cittadinanza responsabile e del volontariato. In programma, anche un momento inaugurale dedicato alla memoria della fondatrice del Cnv Maria Eletta Martini a poco più di un anno dalla sua scomparsa. A lei sarà dedicata l’inaugurazione del Festival. Tra i tanti ospiti attesi al Festival, il capo dipartimento della Protezione civile Franco Gabrielli, il presidente di CSVnet Stefano Tabò, l'assessore regionale Lorena Rambaudi, il portavoce del Forum del Terzo settore Pietro Barbieri, nonché i presidenti della maggiori organizzazioni nazionali di volontariato, fra i quali Michele Mangano (Auser), Gianni Bottalico (Acli), Arnaldo Chianese (Anteas), Salvatore Pagliuca (Unitalsi), Fausto Casini (Anpas), Filippo Fossati (Uisp).

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa