:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

In un fumetto la storia di Roberta, uccisa a 19 anni

Domani in provincia di Cosenza la presentazione dell’opera di cui è autrice la parlamentare Celeste Costantino. Una grafic novel su una vicenda di violenza e morte, rimasta impunita a distanza di 25 anni

31 maggio 2013

COSENZA - “Roberta Lanzino, ragazza”. È il titolo della grafic novel che sarà presentata domani pomeriggio a Saracena, una cittadina in provincia di Cosenza. All’evento presenzierà l’autrice del fumetto, la parlamentare calabrese Celeste Costantino. Roberta Lanzino fu violentata e uccisa nel luglio del 1988 all’età di 19 anni; la giovane cosentina stava andando al mare col motorino quando venne aggredita, stuprata e lasciata morire soffocata per una pallina conficcata in gola. Dopo 25 anni il suo rimane ancora un delitto impunito, il processo è ancora in corso, i suoi genitori Franco e Matilde attendono ancora giustizia. box
Il fumetto “Roberta Lanzino, ragazza” è una storia di efferata violenza maschile e di morte, sceneggiata dalla deputata di Sel Celeste Costantino, e disegnata da Marina Comandini, con la prefazione dello scrittore Carlo Lucarelli che si è occupato del caso nella trasmissione di Rai3 “Blu Notte”. La postfazione dell’opera è di Francesco Forgione, ex presidente della commissione Antimafia. L’iniziativa arriva a pochi giorni dal barbaro assassinio di Fabiana Luzzi, la sedicenne di Corigliano accoltellata e poi bruciata viva dal fidanzato. Proprio nel giorno dei funerali di Fabiana, la Camera dei deputati ha ratificato la Convenzione di Istanbul per la prevenzione e la lotta contro la violenza sulle donne. In questo contesto si inserisce il contributo che la comunità di Saracena intende dare al tema, sempre più attuale ed inquietante della violenza sulle donne. Rivivere in un fumetto la triste storia di Roberta Lanzino significa, ancora una volta, dire ‘no’ ad ogni forma di violenza fisica o psicologica, ai maltrattamenti tra le mura domestiche, all’aggressione verbale, allo stalking.
L’evento, programmato da tempo, rientra nella rassegna socio-culturale “Primavera saracena”, ideata e promossa da un gruppo di studenti delle scuole superiori del territorio, tutti giovani attenti e sensibili alle tematiche d’attualità di forte impatto sociale. (msc)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Celeste Costantino

Stampa Stampa