:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Boom di monete "Fai da te" in risposta alla crisi

20 giugno 2013

VALORI. In Italia fioriscono le monete complementari. Che siano vere e proprie banconote accettate da enti e individui aderenti ad un circuito limitato o monete elettroniche e metodi di compensazione di debiti e crediti tra imprese. E’ un fenomeno che si ripete spesso in periodi di crisi economica. E’ già accaduto dopo il crollo di Wall Street nel ’29 o il default dell’Argentina nel 2001.Negli ultimi anni ne sono nate moltissime in tutto il mondo. In Italia la Ragione Lombardia sta studiando l’introduzione di una moneta complementare; sullo stesso piano si stanno muovendo alcuni imprenditori di Imola, coordinati da Unindustria Bologna, mentre fanno ormai scuola le esperienze del Sardex (già seguita da Sicilia e Piemonte e presto da Marche, Liguria, Abruzzo e Sannio) e dello Scec. Ma il caso della valuta digitale Bitcoin nata per contrastare il “monopolio delle banche” ma che ha portato solo ad una maxi speculazione solleva il problema di una più stretta regolamentazione. Leggi gli articoli su Redattore sociale. Pubblichiamo una parte del dossier di Valori. 

Monete su misura - dossier a cura di Andrea Bartolini, Matteo Cavallito, Emanuele Isonio, Elisabetta Tramonto - Valori, anno 13, n. 10, giugno 2013

Scarica allegato

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa