:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

In primo piano:
European drug report 2016

31/05/2016

Stampa Stampa

Liberia, il quotidiano di strada scritto con il gessetto

In un Paese dove pochi possono permettersi un giornale e ancora meno un computer e una tv, Alfred J. Sirleaf ha fondato “The talk daily”: un notiziario scritto su una lavagna esposta in un nodo nevralgico della capitale

30 novembre 2013

ROMA – Nell’epoca dell’informazione on line che ha messo in crisi la carta stampata, della televisione e della radio, il giornalista Alfred J. Sirleaf ha scelto un modo davvero singolare e ingegnoso per comunicare: un quotidiano scritto con il gessetto, su una lavagna. Siamo in Liberia, un Paese dove poche persone possono permettersi di acquistare un giornale e ancora meno di avere un computer o una tv. Ma “solo un popolo informato può costruirsi una coscienza civile e sviluppare la nazione” pensa Alfred. Per questo tredici anni fa ha fondato The talk daily (La voce del giorno), giornale di strada su lavagna di cui è anche unico redattore. La notizia è data da un articolo di Eugene Lacoste  pubblicato dalla rivista dei Padri bianchi Africa.

La lavagna è posizionata in uno snodo nevralgico della capitale della Liberia, Monrovia. Quando Alfred ha iniziato il “tema” centrale era la guerra civile che imperversava nel Paese. Oggi The talk daily dà notizie di ogni genere: politica, economia, società, cultura, cronaca… Sono tratte da una rassegna stampa internazionale che Alfred fa ogni giorno. Ma nascono anche da inchieste sul campo, spesso “scomode”. Tutte manoscritte accuratamente sulla lavagna. Giovani reporter volontari aiutano il giornalista liberiano nel suo lavoro. Ma in redazione c’è solo lui. “Non sono i mezzi a disposizione che determinano la qualità di un giornale. Ciò che conta è la passione, la curiosità e il coraggio di chi lo fa – assicura Alfred nell’articolo.”

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa