:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Crisi, 3 italiani su 4 adottano la spending review in famiglia

Ricerca condotta dall'Osservatorio Anima - Gfk Eurisko. Nonostante tutto, comunque 2 su 3 hanno progetti di natura economica per i prossimi mesi. E chi risparmia lo fa per creare una sorta di “cuscinetto” per emergenze o imprevisti

03 dicembre 2013

MILANO - Tre italiani su quattro, tra quelli che hanno un conto in banca, hanno adottato tecniche di spending review sul proprio bilancio familiare. E solo uno su tre è riuscito nell'ultimo anno a risparmiare o a fare investimenti. È quanto emerge dalla ricerca condotta dall'Osservatorio Anima - Gfk Eurisko, condotto su un campione di 550 persone "bancarizzate", rappresentative di circa 39 milioni di italiani. Nonostante tutto, comunque due su tre hanno progetti di natura economica per i prossimi mesi, come investimenti per lo studio dei figli, aiuto ad altri familiari o la ristrutturazione della casa.

box L'Osservatorio Anima - Gfk Eurisko è al terzo rapporto e quindi ha potuto confrontare i nuovi dati, raccolti nel maggio di quest'anno, con quelli degli anni scorsi. Chi risparmia lo fa per creare una sorta di ‘cuscinetto’ per emergenze o imprevisti (il 27% del campione) o una riserva per il futuro (il 14%). Gli italiani, inoltre, si stanno comportando da buone formiche: solo il 6% paga a rate o dilaziona nel tempo i pagamenti. Infine, se un anno fa il 25% del campione si dimostrava disponibile a investire in immobili e il 19% in prodotti finanziari, nel maggio di quest’anno la situazione si presentava opposta, in quanto il 23% indicava i prodotti finanziari come prima scelta e ‘solo’ il 18% avrebbe optato per l’investimento immobiliare. (dp)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa