:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Natale "povero" ma solidale: aiuti da 6 italiani su 10

Sondaggio di Coldiretti: il 61% degli italiani dichiara di voler partecipare a iniziative per chi è in difficoltà, come Campagnamica che mette a disposizione 'pacchi buoni' da riempire con pasta secca, legumi, formaggi, vino, frutta e verdura prodotti da forno

14 dicembre 2013

box Roma - Il prossimo Natale sara' piu' povero, "ma anche piu' solidale, con il 61% degli italiani che intende partecipare ad iniziative di solidarieta' nei confronti dei piu' bisognosi". E' quanto emerge da un sondaggio on line condotto dal sito della Coldiretti in occasione dell'avvio del 'Circolo dei buoni', promosso da Campagna Amica, Coldiretti, Caritas, Codacons e Casper, a partire dal Mercato di Campagna Amica in via San Teodoro n. 74 a Roma, che "offre la possibilita' ai cittadini di fare la spesa in molti mercati di Campagna Amica diffusi a livello nazionale e decidere di donare alcuni prodotti che, insieme a quelli offerti dagli agricoltori della Coldiretti, concorreranno a riempire i pacchi dono che saranno distribuiti alle famiglie in difficolta' dalla Caritas".

I "pacchi buoni" per i piu' bisognosi saranno raccolti in molte regioni durante i week end che precedono il Natale (www.campagnamica.it) "e verranno riempiti - spiega la Coldiretti - con prodotti di prima necessita' come pasta secca, legumi, formaggi, vino, frutta e verdura prodotti da forno al 100 per 100 italiani dal campo alla tavola per garantire feste serene a tutti".

Secondo il sondaggio on line sul sito www.coldiretti.it, "il 21% degli italiani fara' azioni di volontariato, il 16% donera' soldi, il 13% cibo, il 5% offrira' vestiti e il 4% cucinera' cibo per gli altri in difficolta'". Si tratta di "una esigenza concreta in un Paese dove sono saliti a 4,1 milioni di italiani che hanno fatto ricorso ad aiuti alimentari nel 2013 e tra questi - sottolinea la Coldiretti - ci sono ben 428.587 bambini con meno di 5 anni di eta' che nel 2013 hanno avuto bisogno di aiuto per poter semplicemente bere il latte o mangiare, con un aumento record del 13% rispetto allo scorso anno". Ma ad aumentare "con un tasso superiore alla media e' stato anche il numero di anziani, ben 578.583 over 65 anni di eta' (+14% rispetto al 2012), che sono dovuti ricorrere ad aiuti alimentari".

Per effetto della crisi economica e della perdita di lavoro "si sta registrando - ricorda la Coldiretti- un aumento esponenziale degli italiani senza risorse sufficienti neanche a sfamarsi: erano 2,7 milioni nel 2010, sono saliti a 3,3 milioni nel 2011 e hanno raggiunto i 3,7 milioni nel 2012". In particolare "nel 2013 si contano 303.485 persone che hanno beneficiato dei servizi mensa, mentre sono ben 3.764.765 i poveri che nel 2013 hanno avuto assistenza con pacchi alimentari che rispondono maggiormente alle aspettative dei nuovi poveri (pensionati, disoccupati, famiglie con bambini) che per vergogna prediligono questa forma di aiuto piuttosto che il consumo di pasti gratuiti in mensa".

Una situazione drammatica che, conclude la Coldiretti, "rappresenta la punta di un iceberg delle difficolta' che incontrano molte famiglie italiane nel momento di fare la spesa". (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa