:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Cibo di strada, l'Iss invita alla prudenza

Dalla selezione delle materie prime alla loro conservazione, dalla preparazione dei pasti alla scelta del punto-vendita. In ogni fase del processo di produzione e vendita del cosiddetto 'cibo di strada' si possono nascondere pericoli tossicologici. Lo studio dell'Istituto superiore di sanità

18 dicembre 2013

ROMA - Dalla selezione delle materie prime alla loro conservazione, dalla preparazione dei pasti alla scelta del punto-vendita. In ogni fase del processo di produzione e vendita del cosiddetto 'cibo di strada' si possono nascondere pericoli tossicologici importanti che necessitano di una valutazione del rischio. A maggior ragione se si pensa che il 'cibo di strada' rappresenta per tanti che vivono nei paesi in via di sviluppo (Pvs) un'importante, spesso la principale, fonte di alimentazione. E se negli anni e' stata prestata attenzione agli evidenti pericoli microbiologici (che possono dar luogo a patologie gastrointesinali e disordini neurologici), quelli chimico/tossicologici (che possono essere silenti per tanto tempo e avere effetti a lungo termine) sono stati, fino ad adesso, sottovalutati.

Ora, per la prima volta, alcuni ricercatori del Dipartimento di Sanita' pubblica veterinaria e sicurezza alimentare dell'Iss, hanno identificato, in uno studio apparso su Food and chemical toxicology, i principali fattori di rischio chimico/tossicologici associati a questa pratica alimentare, suggerendo, al tempo stesso, alcune pratiche di gestione (Point of particular attention, Ppa).

"Il cibo pronto per il consumo, venduto su banchetti, carretti e furgoni disseminati per le strade- dichiara Alberto Mantovani, dell'Iss, co-autore dello studio- presenta, soprattutto nei paesi poveri, numerosi vantaggi: e' di facile accessibilita', rappresenta una buona fonte nutrizionale, permettendo un'ampia scelta di cibi a buon mercato e, non ultimo, gioca un ruolo rilevante nell'economie di queste comunita', oltre a preservare le culture alimentari locali. Ma proprio per la sua ampia diffusione e importanza ne va garantita la sicurezza: innanzitutto attraverso l'istituzione e l'applicazione di regolamenti appropriati, ma anche, e soprattutto, tramite lo sviluppo di semplici buone pratiche che rendano il cibo di strada conforme ai requisiti di sicurezza anche per i contaminanti chimici".

Chiara Frazzoli, dell'Iss, e Ilaria Proietti, dottorata dell'Universita' Cattolica del Sacro Cuore, co-autrici della ricerca spiegano: "Spesso, infatti, questi stand itineranti sono ubicati nei punti di maggior traffico stradale, nei pressi di stazioni ferroviarie o nelle vicinanze delle fabbriche, per poter sfruttare la pausa pranzo dei lavoratori, e quindi sono facile bersaglio dell'inquinamento atmosferico. Senza considerare poi che in tutta l'area intorno al banchetto non c'e' spesso disponibilita' di acqua pulita, di strutture di smaltimento dei rifiuti, ne' di servizi igienici. Anche le condizioni di conservazione e trasporto del cibo sono spesso carenti dal punto di vista della sicurezza. Quindi occorre considerare la prevenzione del deposito di contaminanti atmosferici, del rilascio di sostanze tossiche da materiali a contatto inadatti e dello sviluppo di micotossine in alimenti (es. frutta secca) mal conservati".

Gli ingredienti, per poter essere economici, possono provenire da aree poco salubri (ad esempio, pesce catturato in aree contaminate dove la pesca e' proibita, carni di animali malati e sottoposti a trattamenti antibiotici e antiparassitari). Contaminazioni indesiderate degli alimenti possono provenire dall'uso improprio di insetticidi o disinfettanti per tentare di ovviare a cattive condizioni igieniche, o dal tentativo di migliorare l'aspetto del cibo con dei coloranti. Taluni metodi di cottura frequenti nel cibo di strada, infine, possono incrementare la presenza di contaminanti, quali gli idrocarburi policiclici aromatici (che si sviluppano ad esempio quando si cuoce alla griglia) o l'acrilamide (quando si friggono alimenti ricchi di amido come le patate) o ancora le amine eterocicliche aromatiche (quando gli alimenti ricchi di proteine vengono cotti a temperature molto elevate).

Gli autori dello studio hanno individuato una serie di Ppa (Point of particular attention) per poter rendere piu' sicuro il cibo di strada, anche dal punto di vista chimico-tossicologico.

Punto di vendita:

1. Questo dovrebbe essere localizzato in uno spazio protetto da sostanze chimiche presenti nell'atmosfera (idealmente in uno spazio chiuso, ma ben aerato).

2. La preparazione e la vendita dei cibi dovrebbe avvenire in un luogo pulito, ad almeno 15 metri dalla presenza di rifiuti liquidi o solidi.

3. Il cibo esposto dovrebbe essere sempre tenuto coperto.

4. L'acqua usata dovrebbe avere parametri che rispettino gli standard internazionali dell'acqua potabile.

Materie prime e ingredienti:

1. I commercianti dovrebbero essere in grado di certificare la conformita' delle materie prime agli standard della sicurezza alimentare relativi ai residui e ai contaminanti chimici applicati al settore della commercializzazione degli alimenti.

2. I venditori dovrebbero conoscere la fonte delle materie prime e degli ingredienti.

3. Dovrebbero rifornirsi da grossisti autorizzati.

Trasporto e stoccaggio:

1. Controllare sempre umidita' e temperature dei sistemi di trasporto e di conservazione per ridurre al minimo lo sviluppo di funghi e l'eventuale produzione di micotossine.

2. Durante il trasporto coprire il cibo con materiale idoneo per proteggerlo da inquinanti presenti nell'ambiente.

3. Conservare il cibo in contenitori appropriati per evitare il rilascio di sostanze tossiche.

4. Togliere sia gli alimenti che gli utensili dalla struttura prima di avviare i processi di fumigazione e disinfezione.

5. Utilizzare solo fumiganti e disinfettanti approvati per l'uso in cucina.

Utensili, pentolame e materiali di confezionamento:

1. Acquistare pentolame e utensili solo da rivenditori che rispettano i regolamenti nazionali (se esistono).

2. Usare solamente utensili, pentolame e materiali da imballaggio non danneggiati ne' deteriorati.

3. Utilizzare strumenti, pentole, padelle e materiali appropriati per i metodi di cottura e l'acidita' dell'alimento a contatto, onde evitare la contaminazione con sostanze tossiche.

Preparazione degli alimenti:

1. Non cuocere eccessivamente i cibi ad alto contenuto di carboidrati e proteine, bensi' mantenere la temperatura di cottura bassa e costante per un tempo limitato.

2. Scegliere i metodi di cottura piu' idonei per i diversi alimenti.

3. Fornire un'offerta diversificata di preparazioni alimentari.

4. Usare solamente additivi alimentari consentiti, nella giusta dose e venduti da fornitori autorizzati.

5. Scegliere procedimenti idonei (come la fermentazione) per minimizzare la quantita' e l'attivita' di sostanze ad azione antinutrizionale presenti in alcuni alimenti, ad es., la farina di sorgo.

Questi principi vanno, naturalmente, adattati alle culture locali e tradotti in agevoli materiali informativi indirizzati sia agli operatori dei servizi di sicurezza alimentare sia ai venditori: l'informazione e l'educazione sanitaria sono piu' importanti della repressione per proteggere il cibo di strada.

(DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

Ti potrebbe interessare anche…

Stampa Stampa