:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Arance, stagionali stranieri protestano alla Coop: "no al caporalato legalizzato"

Manifestazione sabato a Bologna, Livorno, Milano e Roma organizzata da Sos Rosarno. Nel mirino i prezzi bassissimi che le catene della Gdo pagano ai produttori. La proposta: un ticket nei supermercati per mostrare i costi di tutta la filiera

07 gennaio 2014

boxROMA – Un euro per una cassetta da 20 chili di clementine, 50 centesimi per lo stesso quantitativo di arance. E’ quanto ricevono i braccianti stagionali  per il loro lavoro. Un compenso determinato dai prezzi bassissimi imposti agli imprenditori agricoli, del sud e del nord, dalla filiera della Gdo (grande distribuzione organizzata) e che comportano l’abbattimento dei costi di manodopera. Un sistema consolidato di cui fanno le spese i braccianti stagionali (quasi tutti migranti), che “lavorano ore per pochi soldi in condizione di grave sfruttamento”. A denunciare questa forma di “caporalato legalizzato” è Sos Rosarno che ha organizzato per l’11 gennaio prossimo una serie di iniziative di protesta davanti ai supermercati Coop di Firenze, Bologna, Livorno, Milano e Roma, dove a largo Agosta avrà luogo la manifestazione principale.

Nel mirino ci sono i grandi supermercati: Auchan, Carrefour, Esselunga e soprattutto la Coop “protagonista principale della grande distribuzione in Italia – spiega Arturo Lavorato di Sos Rosarno – è lei ad aggiudicarsi la fetta più grossa di mercato, ma è anche quella che punta di più su un’ immagine di qualità e responsabilità sociale d’impresa, pur attuando politiche sui prezzi al ribasso come tutti gli altri. Mettere sugli scaffali un po’di prodotti del Fairtrade accanto a quelli provenienti dai beni confiscati alle mafie e dallo sfruttamento selvaggio delle campagne è, a nostro avviso, ancora più grave”. Nel mirino dell’associazione anche le multinazionali che gestiscono e spostano il flusso delle merci che circolano in Italia, appaltando il lavoro a cooperative che hanno istituito un sistema di vero e proprio "caporalato legalizzato" che impiega per lo più manodopera a basso costo immigrata.

“Chiediamo che la Coop e le altre sigle della grande distribuzione aprano un canale di commercializzazione etica del fresco in cui venga riconosciuto un prezzo adeguato al produttore sul campo – spiega ancora Lavorato – questo prezzo equo deve consentire di sostenere i costi di produzione e della regolare assunzione della manodopera”. Secondo Sos Rosarno questa operazione di filiera responsabile dovrà essere esposta all’interno del supermercato con una sorta di ticket per la trasparenza, che permetta ai consumatori di vedere il prezzo pagato all’agricoltore e di scegliere con responsabilità. Ma l’associazione punta il dito anche contro il Governo che non fa niente a fronte di questo sistema produttivo di sfruttamento diventato ormai strutturale. “Queste persone sono lasciate sole – aggiunge – A Rosarno c’è una tendopoli costata un milione di euro, dove vivono ancora oggi 1.500 persone senza luce elettrica, con bagni fatiscenti e in condizioni disumane. Lo Stato è ormai il garante di questo scempio e  del girone infernale della transumanza stagionale”.

A lavorare nei campi sono soprattutto stranieri provenienti dall’ Africa sub sahariana, maghrebini e persone dell’est, in particolare bulgari e rumeni. “C’è una divisione etnica del lavoro – continua Lavorato – i lavoratori africani sono considerati  più produttivi, perché di solito arrivano in Italia da soli  e per monetizzare al massimo nella raccolta a cottimo lavorano più degli altri, a ritmi disumani. C’è una sorta di gara nello sfruttamento, le condizioni di vita sono indicibili. E’ uno scempio sul piano dei diritti umani. L’agricoltura italiana poggia la sua sopravvivenza su questo sistema e quando sono grossi marchi di produzione su questa sofferenza determinano grandi profitti di economia di scala”.

Lo scopo delle manifestazioni davanti ai supermercati è far uscire allo scoperto questa situazione ancora poco visibile ma diventata una prassi nelle campagne: da Rosarno, a Nardò, nella Capitanata, a Boreano, fino al nord di Salluzzo e a Castel Nuovo Scrivia. L’iniziativa è promossa dalla rete nazionale, Campagne in Lotta, che si occupa di  lavoro, di salvaguardia del territorio nelle politiche sull’alimentazione e l’agricoltura e della regolarizzazione dei lavoratori immigrati. (ec)

La risposta di Coop Italia.

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Stagionali, Rosarno, Coop, Sfruttamento, Lavoratori stranieri

Stampa Stampa