:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Alcol e droghe al volante, calano le contravvenzioni nel 2013

Dal 2005 ad oggi, dimezzate le infrazioni per guida sotto l'influenza di sostanze stupefacenti. In calo anche quelle per alcool. Cresce la sicurezza sulle strade: meno incidenti e meno vittime della strada. I dati della Polizia di Stato

22 gennaio 2014

ROMA – Nel 2013 diminuiscono le infrazioni dovute alla guida sotto l'influenza di sostanze stupefacenti o dell’alcool. Lo rivelano i dati della Polizia di Stato. Secondo quanto riportato sul sito della Polizia, infatti, le contravvenzioni indirizzate a quanti si mettono alla guida dopo aver fatto uso di sostanze stupefacenti si sono dimezzate negli ultimi sei anni: nel 2013 le infrazioni riscontrate dalle forze di Polizia sono 1.295 contro le oltre 2.500 del 2007 e del 2008. Stesso trend per quanto riguarda le infrazioni dovute all’alcool. Nell’anno appena concluso, le infrazioni riscontrate sono 21.427, mentre nel 2007 superavano le 31 mila. A calare, complessivamente, secondo la Polizia di Stato sono le stesse infrazioni, passate da un picco di circa 2,7 milioni nel 2008 a 1,7 milioni nel 2013 anche se, come spiega l’ufficio stampa della Polizia di Stato, i dati riportati sul sito sono parziali in quanto riguardano soltanto quelli della Polizia di Stato e dell’arma dei Carabinieri, ma sono utili per individuare le tendenze.

box I dati forniti dal sito della Polizia di Stato, inoltre, mostrano una generale crescita della sicurezza sulle strade italiane. Negli ultimi anni, infatti, sono diminuite anche le contravvenzioni per eccesso di velocità. Nel triennio 2006-2008, il numero delle infrazioni del limite di velocità superava il milione, nel 2013 i casi si sono più che dimezzati, arrivando a quota 453 mila. Diminuiscono anche le patenti ritirate per sospensione o revoca: dalle 76.472 del 2007 si è arrivati alle 49.431 del 2013, facendo registrare una costante diminuzione negli anni. I dati forniti dalla Polizia, inoltre, mettono in luce anche una costante diminuzione degli incidenti stradali, dei feriti e delle morti sulle strade. Il dato fornito dal sito web della Polizia dello Stato, però, non coincide con quello elaborato dall’Istat, che tuttavia mostra l’identico trend in diminuzione. Una discordanza che, secondo l’Istat, è dovuta alla provvisorietà dei dati aggiornati “in tempo reale” sul sito della Polizia, ma successivamente consolidati con tutti i casi verificatisi nell’anno e forniti nella versione integrale all’Istituto nazionale di statistica. Secondo l’Istat, quindi, gli incidenti sulle strade italiane con lesioni alle persone sono diminuiti passando dagli oltre 263 mila 2001 agli oltre 186 mila nel 2012. I feriti sono passati da 373 mila nel 2001 a 264 mila nel 2012. Dimezzate le morti sulle strade italiane: nel 2001 hanno perso la vita circa 7 mila persone in incidenti stradali, nel 2012 i morti sono 3.653. (ga)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa