:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

La musica dei nuovi italiani suona a Tor Pignattara. Baby orchestra targata G2

E’ composta da ragazzi dagli 11 ai 17 anni, quasi tutti di seconda generazione.“Non è musica dal mondo ma la fotografia di un’Italia che esiste già”. Realizzato il primo cd, ora crowfunding in rete per realizzare il primo video

12 febbraio 2014

ROMA - Ci sono le sonorità africane del djambè di Shady, che si fondono al suono del basso synth di Simone e il darabouka di Jacopo. C’è poi il glokenspiel di Nazareno, la chitarra elettrica di Alessandro, il flauto traverso di Eleonora e le tastiere di Damian. Mentre alla voce si alternano Lorenzo, Francesca, Alif e Nives. È un mix di musicalità vicine e lontane quello incarnato dalla Piccola orchestra di Tor Pignattara, un ensemble musicale formato da ragazzi dagli 11 ai 17 anni, quasi tutti di seconda generazione e provenienti dal quartiere più multietnico della Capitale.

Orchestra Tor Pignattara

“Non è l'oriente che incontra l'occidente, non è la musica del mondo”, ma semplicemente la fotografia di un’Italia che esiste già, recita la copertina del primo cd di questa versione baby dell’ormai famosa Orchestra di Piazza Vittorio, non a caso diretta da uno dei suoi fondatori, il bassista Pino Pecorelli e da Livio Minafra. L’idea però è di Domenico Coduto, fondatore dell’associazione Musica e altre cose che circa un anno fa ha deciso di dare vita a questo esperimento musicale mettendo insieme ragazzi sotto i 18 anni con storie e percorsi diversi, in grado di suonare strumenti provenienti da ogni parte del mondo. “La nostra non è una scuola di musica – precisa – ma un’orchestra appunto. Fin dall’inizio abbiamo cercato ragazzi che già sapessero suonare uno strumento, possibilmente legato alle tradizioni della loro famiglia, per creare un mix tra musica pop e suoni tradizionali. Ho pensato di creare un gruppo multietnico guardando semplicemente la realtà dove vivo, e dove esiste già questo mescolarsi di culture”. Molti dei ragazzi sono figli di coppie miste, ci sono poi gli italiani e i figli di immigrati. “Sono ragazzi che dovranno aspettare 18 anni per essere riconosciuti come italiani,– aggiunge Coduto – noi non facciamo politica ma pensiamo che la nostra musica possa  essere uno strumento per parlare e portare all’attenzione questi temi e valori come l’integrazione e il dialogo fra culture”. In un anno di vita l’orchestra ha già prodotto un primo cd composto da otto tracce che attingono al repertorio tradizionale e lo reinterpretano con brani che vengono dal Bangladesh (Ek Din Matin Vitore Hobe Gor), dall’Africa (Chaba Koria) da Cuba (El son te llama), dal mondo arabo (Sidi Mansour Ya Baba). Completano il disco due brani di Livio Minafra (Flying e Unique Sun Unique Blood).

box“Siamo tutti uguali da Roma fino a Rio, siamo tutti uguali ci ha fatto così Dio, chi mangia kebab, chi mangia la pasta, siamo tutti della stessa razza” recita  il singolo di punta Il mondo in tasca, scritto dal rapper Amir Issaa insieme a uno dei ragazzi dell'orchestra. L’obiettivo ora è realizzare il video della canzone. Per finanziare l’iniziativa è stata lanciata su internet la campagna di crowfunding. “Non abbiamo finanziamenti pubblici – spiega ancora Coduto – è stato possibile mettere insieme l’orchestra e  realizzare il cd grazie al contributo della Fondazione Nando Peretti , a cui si è aggiunta la Fondazione Migrantes e la Fondazione Alta Mane Italia”. All’inizio l’orchestra era composta da 15 ragazzi, ma da novembre si è allargata a circa 25 membri. “La composizione varia anche a seconda dei flussi migratori. Alcune famiglie del Bangladesh, per esempio, negli ultimi anni si sono spostate in Inghilterra – continua Coduto – Ora stiamo facendo scoutismo, perché il nostro vuole essere un laboratorio aperto per chiunque abbia la passione della musica. Ci sono ragazzi che arrivano da tutti i quartieri di Roma, Tor Pignattara è un simbolo, ma i componenti non devono per forza essere tutti cresciuti lì”. Al progetto musicale, si sta inoltre affiancando un’ iniziativa di stampo più sociale, con l’inserimento di minori che vivono una situazione di fragilità. “La musica è un importante strumento di prevenzione per i ragazzi – spiega Daniele Cortese, psicologo – Io mi occupo dell’inserimento dei ragazzi con situazioni delicate, e che attraverso l’orchestra hanno la possibilità di vivere un’esperienza importante anche dal punto di vista umano. E’ un modo di stare insieme in maniera costruttiva, molto importante anche per chi ha un passato difficile alle spalle”. (ec)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa