:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Nasce il "sindacato di strada" per i braccianti immigrati

Parte oggi e si chiuderà nella prima settimana di ottobre, l'iniziativa della Flai Cgil Basilicata denominata "Sindacato di strada". "Con l'iniziativa- spiega la Flai Cgil - il sindacato cerca di dare il suo contributo al tema dell'utilizzo della forza lavoro extracomunitaria nei campi di raccolta del pomodoro". Assistenza legale e disbrigo pratiche

19 agosto 2014

ROMA - Partira' oggi, 19 agosto 2014, e si chiudera' nella prima settimana di ottobre, l'iniziativa della Flai Cgil Basilicata denominata 'Sindacato di strada'. "Con l'iniziativa- spiega la Flai Cgil in una nota su www.rassegna.it- il sindacato dei lavoratori dell'agroindustria cerca di dare il suo contributo al tema dell'utilizzo della forza lavoro extracomunitaria nei campi di raccolta del pomodoro dell'area Vulture Melfese, anche in vista della prossima riapertura, da parte della Regione Basilicata, dei campi di accoglienza di Venosa, Palazzo San Gervasio, lavello e Montemilone".

L'iniziativa, continua la Flai Cgil, "si muove in parallelo alle attivita' pianificate dalla task force guidata da Pietro Simonetti, per la Regione Basilicata, per favorire il lavoro regolare e garantire il trasporto gratuito da e verso i campi di accoglienza in strutture presso i comuni di Venosa, Palazzo San Gervasio - Montemilone e Lavello. I lavoratori interessati, oltre ad usare il punto mobile informativo, collegato ai terminali per l'iscrizione alle liste di prenotazione al lavoro (liste da cui gli imprenditori agricoli potranno attingere per selezionare personale da dedicare alla raccolta del pomodoro), potranno inviare una mail a centroagricoltura.lavello@provinciapotenza.it, chiedere aiuto agli addetti nelle strutture di accoglienza di Palazzo San Gervasio - Montemilone, Venosa e Lavello, o andare direttamente presso le sedi dei Comuni di Palazzo San Gervasio, Montemilone, Venosa e Lavello, o telefonare all'800.29.20.20".

La finalita' del progetto, afferma il segretario generale Flai Cgil Potenza, Vincenzo Esposito, "e' offrire assistenza legale e il disbrigo di pratiche relative a permesso di soggiorno e a quella di richiesta di asilo politico, fornire un primo approccio su tutti i problemi legati ai rapporti di lavoro dal punto di vista contrattuale, giuridico ed amministrativo, formare una banca dati di tutti i lavoratori immigrati contattati, per utilizzarla come strumento di conoscenza e di contatto dalle nostre strutture della Flai delle Regioni dove gli stessi migrano per le campagne di raccolte di altre colture in altri periodi dell'anno".

(DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Braccianti, Immigrati

Stampa Stampa