:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Dopo il calcio amatoriale, l'Afro Napoli United debutta in seconda categoria

A 5 anni dalla sua costituzione, la squadra interetnica domani affronterà la sua prima partita. Sono 18 ragazzi poco più che ventenni, tra cui 6 napoletani e 12 ex migranti che hanno scelto Napoli come loro patria. "Nuova avventura sempre all'insegna dell'antirazzismo"

07 novembre 2014

Afro Napoli United
Afro Napoli United debutta in II categoria

NAPOLI - Un campo in periferia, ma va bene così: giocare nel campionato è già una vittoria. Dopo appena cinque anni dalla sua costituzione, la squadra interetnica "AfroNapoli United" domani affronterà la sua prima partita nel girone B del Campionato di Seconda Categoria della FIGC Campania. Sono diciotto ragazzi poco più che ventenni, tra cui sei napoletani e dodici ex migranti che hanno scelto Napoli come loro patria, anche sportiva, i giovani calciatori della squadra interetnica fondata nel 2009 da Antonio Gargiulo, commercialista napoletano con la passione per lo sport e grandi doti imprenditoriali (è presidente, oltre che di AfroNapoli, anche del gruppo di imprese sociali Gesco).

Afro Napoli United
Afro Napoli United debutta in II categoria 2

Dopo un percorso di successo nel campionato amatoriale, AfroNapoli United debutta domani in quello dilettantistico, allo Stadio “Alberto Vallefuoco” di Mugnano (periferia Nord di Napoli), per la gara di campionato contro il Nola Virtus Soccer, la prima delle 26 partite da affrontare con l’obiettivo di ottenere la promozione in Prima Categoria.
Gargiulo ha aggregato dieci ragazzi africani (senegalesi e capoverdiani), due sudamericani (dal Perù e dal Paraguay) e sei calciatori napoletani, che hanno deciso di lasciare squadre di categorie superiori per sposare la causa dell’AfroNapoli: fare cioè con il calcio, integrazione sociale e mediazione culturale.

Afro Napoli United
Afro Napoli United debutta in II categoria 3

La partita di domani si potrà seguire in diretta streaming collegandosi al canale Youtube di AfroNapoli o alla pagina Facebook, dove saranno disponibili le indicazioni per poter guardare il match, seppure a distanza. Sarà infatti a porte chiuse, a causa di una squalifica per i festeggiamenti della vittoria di campionato lo scorso anno. "Partiamo con questa nuova avventura – dice il presidente Antonio Gargiulo - sempre all’insegna dell’antirazzismo e con la speranza di rivivere i successi sportivi di questi anni. Restiamo convinti che il calcio sia un potente mezzo di aggregazione sociale e culturale e speriamo di poter dare una chance in più ai nostri calciatori: il sogno è che possano vivere di sport, convivendo in maniera paritaria coi loro coetanei e con la nostra comunità". 
"Siamo orgogliosi – conclude Gargiulo - di partecipare ad un campionato regionale della FIGC ma ci dispiace tanto che proprio l’esordio casalingo si debba disputare a porte chiuse per una disposizione, forse, troppo superficiale e sbrigativa. Ricordiamoci sempre che il calcio deve offrire anche ai tifosi la possibilità di esprimersi, di socializzare e di gioire pacificamente".

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa