:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Bimbo ucciso, monito ai giornalisti: "Rispetto e umana solidarietà"

Il presidente dell'Ordine Iacopino affida alla sua pagina Facebook l'invito a "lasciare in pace la famiglia di Loris": "A che cosa serve appostarsi sotto la loro casa o seguirli dentro un negozio o perfino nel luogo dove si è consumata la barbarie?"

03 dicembre 2014

ROMA - "Lasciate in pace la famiglia di Loris". E' il monito del presidente dell'Ordine dei giornalisti Enzo Iacopino, affidato alla sua pagina Facebook. Il caso è quello del bambino ucciso a Ragusa sabato scorso e il riferimento è al rischio che il sensazionalismo prenda il sopravvento sull'informazione. "Lo dico ai colleghi - prosegue Iacopino - :  pressate gli investigatori senza intralciare il loro lavoro. Acquisite ogni informazione sugli sviluppi delle indagini, evitando di comprometterle aiutando l'assassino. Ma lasciate in pace i genitori, con le loro lacrime. Che cosa volete vi dicano? A che cosa serve appostarsi sotto la loro casa o seguirli dentro un negozio o perfino nel luogo dove si è consumata la barbarie? Sono addolorati, forse hanno in mente dei sospetti dei quali è bene si occupino le forze dell'ordine. Non servono parole per sapere che soffrono, che forse si rimproverano una carezza non data, un regalo non concesso. Un po' di rispetto e di umana solidarietà".

- In un altro post il presidente dell'Odg scrive: "Leggo, con vergogna, che c'è chi riferisce che poco tempo fa Loris chiese alla mamma: 'Che cosa significa essere gay?' E registro, con orrore, una considerazione: sarebbe bastata un po' di attenzione in più per far suonare un campanello d'allarme. Quella donna merita rispetto non di essere colpevolizzata. Tanto meno con suggestioni parolaie. Non c'è bisogno di incontrare un orco per essere stimolati a fare domande di questo o di altro tipo: bastano le mille trasmissioni della tv dell'orrore".

Post che hanno scatenato il dibattito. Ed è ancora Iacopino a dover spiegare che "l'orrore non è nella domanda, ma nell'allusione che se la mamma avesse prestato più attenzione ..... Questo è ben più che un orrore".

Nei commenti tanti plausi per la presa di posizione di Iacopino: "Condivido presidente. Si parla di un bambino, di una famiglia che sta piangendo. Si parla di violenza sull'infanzia. E si pretende etica oltre che notizia". E ancora: "Ma non si può far nulla per mettere a tacere tutti e lasciare le indagini in silenzio per rispetto della famiglia e di un bambino innocente? Basta non se ne può più. È come se ci godessero e fanno a gara...". Ancora tra i commenti si legge: "Il silenzio è rispetto per il bimbo, morto, e attenzione al dolore dei genitori. Il silenzio è aiuto alle autorità e restituire coscienza a tutti noi curiosi. Grazie Enzo Iacopino". Infine: "Come fermare tutto questo?? Si continua, e temo che sarà sempre così. Indignata e impotente!!". (ab)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Ordine dei giornalisti, Minori

Stampa Stampa