:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

‘Dove dormire, mangiare, lavarsi’. Guida per i senzatetto di Firenze

La comunità di Sant’Egidio ha redatto una sorta di bussola per orientarsi nella città solidale. Nel volume sono raccolti indirizzi, telefoni e informazioni sul tipo di aiuto offerto dalle diverse realtà associative ed istituzionali

16 dicembre 2014

- FIRENZE - "Dove dormire, mangiare, lavarsi". E’ la bussola per orientarsi nella città solidale di Firenze. E' stata  realizzata dalla Comunità di Sant'Egidio di Firenze, con il contributo dell'Ente Cassa di Risparmio. Giovedì  18  dicembre, alle ore 17.30, nel Foyer del Teatro della Pergola, la guida sarà al centro di un incontro cittadino al quale prederanno parte gli operatori della Comunità di Sant'Egidio, il Maestro Gabriele Lavia, amministratori del Comune di Firenze, e Pierluigi Rossi Ferrini, vice Presidente dell'Ente Cassa di Risparmio  che ha finanziato la pubblicazione della guida.

'Dove dormire, mangiare, lavarsi' è una pubblicazione dedicata ai senza fissa dimora e più in generale a quanti vivono in situazioni di necessità. Nel volume sono raccolti indirizzi, telefoni e informazioni sul tipo di aiuto offerto dalle diverse realtà associative ed istituzionali presenti a Firenze.

Sono inoltre illustrati alcuni percorsi dedicati ai temi sociali principali come il carcere, l'immigrazione, la casa, l'assistenza sanitaria, il lavoro e la formazione, l'aiuto a donne in difficoltà. E' un volume, inoltre, destinato anche ai diversi operatori istituzionali e volontari, che spesso necessitano di strumenti operativi, in grado di mettere in comune tutto ciò che di buono il nostro territorio esprime. “E' uno strumento – spiega Serena Fabbrini per Sant'Egidio - che vive e respira al ritmo di quello che accade nella città, delle leggi che cambiano, dei servizi che traslocano, che cambiano. La nostra guida non ha una pretesa di completezza, ma ne ha il desiderio e cerca di rispondere innanzitutto alle domande che provengono dai senza fissa dimora. E' un lavoro da continuare a costruire insieme tramite segnalazioni e suggerimenti e anche correzioni di eventuali errori. E' offerta a chi ne ha bisogno da una parte e dall'altra ad operatori e volontari”.

 

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Senza dimora

Stampa Stampa