:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Primo dell'anno, la Comunità di Sant'Egidio prega per la pace

Appuntamento alla Chiesa di San Vito in Pasquirolo, luogo di ritrovo della comunità ucraina, oggi martoriata dalla guerra. Sarà un anno particolare per Milano, che ospiterà Expo da maggio a ottobre. Un'occasione per Sant'Egidio per ribadire i temi della pace su un palcoscenico internazionale.

01 gennaio 2015

MILANO – Il primo gennaio è la giornata mondiale della pace. E a Milano, il primo gennaio 2015 segna l'inizio di un anno che metterà la città al centro del mondo: l'anno di Expo. La Comunità di Sant'Egidio ha per questo scelto di celebrare questo giorno di festa alla chiesa di San Vito in Pasquirolo, Largo Corsia dei Servi 4, storico luogo di ritrovo degli ortodossi russi e ucraini di Milano. Per dare un respiro ancora più internazionale alla festa di benvenuto per il nuovo anno. "Gli ortodossi russi e ucraini rappresentano una comunità profondamente segnata dalla guerra – spiega Giorgio Del Zanna, presidente della Comunità di Sant'Egidio -. Ascolteremo la testimonianza di Padre Ambrogio Makar, sacerdote della comunità che parlerà della situazione in Ucraina e dell'importanza che i cristiani lavorino insieme per la pace". Da lì poi comincerà la marcia verso il Duomo, per una celebrazione a cui parteciperanno insieme i cristiani di confessione diversa.

Per la Comunità di Sant'Egidio il 2015 sarà ricco di iniziative. Ovviamente il volano è l'esposizione universale che aprirà i battenti il primo di maggio. "Saremo presenti con eventi in tutta la città e alla Cascina Triulza, padiglione della società civile", continua Del Zanna. Lo stesso tema dell'Expo "Nutrire il pianeta, energia della vita" rappresenta uno stimolo per i cattolici. "Chiama in causa le religioni", dice Del Zanna. Altro appuntamento fisso, la rottura del digiuno nel mese del Ramadan, che nel 2015 cadrà in luglio, insieme ad ebrei e musulmani. Poi ad ottobre, alla fine di Expo, i rappresentanti delle diverse fedi a Milano si troveranno insieme per una preghiera interreligiosa per la pace nel mondo. (lb)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa