:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Unione Europea, Frontex costerà 114 milioni di euro nel 2015

Il piano di lavoro dell'Agenzia, reso noto dall'ong Statewatch. Rispetto al 2014 il budget è aumentato del 14%: il 72% sarà investito in attività di monitoraggio dei confini dell'Unione. Per i rimpatri si spenderanno 9,5 milioni di euro. In tutto saranno 316 gli agenti sotto contratto

31 gennaio 2015

MILANO – L'agenzia di pattugliamento delle frontiere europee Frontex costerà nel 2015 114 milioni di euro. È quanto si legge nel piano di lavoro dell'agenzia, presentato a Bruxelles il 23 gennaio e reso pubblico dall'ong Statewatch. Rispetto al 2014 il budget previsionale è aumentato del 14%. L'Unione europea finanzia con 106 milioni di euro la missione, contro gli 87 del 2014. Aumentano poi le donazioni dei Paesi Schengen, che passano da 5,6 milioni a 7 milioni di euro, mentre calano quelle da Regno Unito e Irlanda, che passano da 900 mila a 820 mila euro. Di questo budget, il 72% sarà speso in attività di monitoraggio dei confini dell'Unione. In tutto saranno 316 gli agenti sotto contratto con Frontex, di cui 151 a tempo determinato.

Le missioni di appoggio alle forze dell'ordine che pattugliano le dogane europee costano a Frontex 52,3 milioni di euro. La seconda voce di spesa è Eurosur, il sistema informatico che Frontex ha a disposizione per controllare i viaggiatori e combattere l'immigrazione irregolare. È il mare ora la frontiera più monitorata da Frontex: l'investimento per le missioni lungo le coste della "Fortezza Europa" è di 31,1 milioni di euro, +10,2 rispetto all'anno precedente. Per le operazioni via terra si investiranno 9,2 milioni di euro (+0,1 sul 2014) e per quelle via aria la stessa cifra del 2014: 2,5 milioni di euro. Per i rimpatri si spenderanno invece 9,5 milioni di euro.

Da ottobre 2014, per chiunque voglia entrare in area Schengen è necessario possedere un visto emesso con il Visa information system, un sistema che prevede il rilascio delle impronte digitali e il controllo elettronico. La stima di Frontex è che ogni mese vengano emessi 1,2 milioni di visti per l'Ue. (lb) 

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa