:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

A Fa' la cosa giusta! le eccellenze dell'economia solidale

Presentata questa mattina a Palazzo Marino la XII edizione delle fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili. L'assessore Maran: "Questa fiera ci dice come possiamo cambiare in meglio il mondo".

11 marzo 2015

MILANO - "Questa fiera non ci dice come deve essere un mondo ideale, ma come possiamo cambiarlo in meglio": Pierfrancesco Maran, assessore alla mobilità del Comune di Milano, ha descritto Fa' la cosa giusta!, durante la presentazione dell'evento questa mattina a Palazzo Marino. Alla fiera del consumo critico e degli stili di vita (dal 13 al 15 marzo, nei padiglioni di Fieramilanocity) i visitatori troveranno 700 espositori di idee, servizi e prodotti per migliorare la qualità della vita e renderla più giusta e leggera per l'ambiente, ma anche per le tasche. Il nostro obiettivo è far conoscere buone pratiche e eccellenze - ha spiegato Miriam Giovanzana, amministratore unico di Terre di mezzo eventi, organizzatore della fiera -. Fa' la cosa giusta è una mostra-mercato ma anche un luogo d'incontro". Sono infatti 200 gli appuntamenti del programma culturale, tra laboratori, seminari, workshop, degustazioni, spettacoli e convegni. Per l'assessore al Benessere, Chiara Bisconti, "fare la cosa giusta è un invito che riguarda tutti, anche noi amministratori di questa città".
Quest'anno alle tredici sezioni tematiche si affiancano otto spazi speciali che esplorano le nuove declinazioni dell'economia solidale e sostenibile: Green Maker, Volevamo la pace, Territori resistenti, La via dei teatri, Pulci pettinate, Scuole in fiera, Street food e Fa' la cosa giusta! Umbria.

Lo spazio speciale Green Maker propone idee, progetti, prototipi, servizi di innovazione sostenibile. L'area è progettata in collaborazione con YATTA!, il makerspace milanese dedicato a designer, architetti, creativi, appassionati di elettronica e informatica. Un luogo aperto ai soci dove usare in prima persona macchinari innovativi e scambiare le proprie conoscenze. Le 40 proposte dell'area Green Maker spaziano dagli oggetti di design, accessori e capi di abbigliamento, ai tool necessari per un fablab, passando per i progetti di recupero di materiali di riciclo, trasformati grazie all'utilizzo di plotter da taglio e stampanti 3D, per arrivare fino ai progetti che utilizzano la tecnologia al superamento delle disabilità.

A cent’anni dalla prima guerra mondiale a Fa' la cosa giusta! si raccontano, con l’aiuto di Ong, giornalisti ed esperti, le guerre “dimenticate” di oggi. Volevamo la pace è uno spazio di azione e riflessione, in collaborazione la rivista Aggiornamenti Sociali, ad un secolo dall'ingresso dell'Italia nella Prima guerra mondiale. L'area ospita un calendario di approfondimenti dedicati ai conflitti in corso: Libia, Ucraina, Siria, Repubblica Centrafricana, ma anche incontri sulla difesa non armata sulla cooperazione.

In Italia ci sono sempre più territori abbandonati. Valli bellissime, zone collinari o di media montagna, aree periferiche fino a ieri abitate e coltivate e oggi a rischio di spopolamento. Territori resistenti è lo spazio che Fa’ la cosa giusta! dedica alle associazioni e persone che, in tutta Italia, provano a restare nelle zone o che progettano di ritornarvi: storie di recupero, di valorizzazione e di coraggio che rappresentano una speranza per tutti. Un progetto realizzato in collaborazione con l’associazione Thara Rothas, Rete del ritorno, Rete Appennino Parma est e progetto Articoltura.

La Via dei Teatri di Fa' la cosa giusta! presenta l'arcipelago di luoghi teatrali che caratterizza Milano e la sua periferia: realtà piccole ma molto attive. Questo spazio, a cura della Compagnia Alma Rosé, ospiterà 15 compagnie ed è caratterizzato da incontri per operatori del settore, per il pubblico e assaggi di pillole di spettacoli per tutti.

Pulci Pettinate è un mercatino di artigiani e designer di quartiere ricostruito all'interno della fiera. Per chi ama il vintage, la musica dal vivo e la creatività homemade. Nella Piazza a loro dedicata, in fiera, gli artigiani terranno laboratori in cui imparare a realizzare borse, bigiotteria, accessori con materiale “di recupero”. (Maggiori dettagli nella scheda Homemade-Autoproduzione). La Piazza ospita anche il Furgoncinema: un furgone, cinque poltrone salvate da un vecchio cinema e una sequenza a tema di alcuni spezzoni tratti dai più bei film italiani: un'esperienza divertente e suggestiva adatta a tutte le età (costo: 2 euro. A cura di Associazione Culturale La Scheggia).

Scuole in fiera è un'area dove saranno presentate ai visitatori e valorizzate le migliori attività promosse dai singoli istituti. Lo staff di Fa' la cosa giusta! ha selezionato 10 tra i migliori progetti riconducibili alle tematiche della valorizzazione del territorio, della formazione professionale, della promozione sociale e della sostenibilità realizzati dalle scuole di tutta Italia. 

Lo spazio Street Food, offre una vasta gamma di golosità di piatti da gustare “cotte e mangiate”: dalle panelle allo gnocco fritto emiliano, dalla bombetta di Alberobello fino al cacciucco bio alla livornese. 

© Copyright Redattore Sociale

Tag: street food, Sostenibilità ambientale, Fa' la cosa giusta!, Riciclo

Stampa Stampa