:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Pulisci la città? Non paghi le tasse: in Molise parte il "baratto amministrativo"

Esenzione o riduzione delle tasse per i cittadini con basso reddito che offrano in cambio servizi di pubblica utilità: la misura, prevista dal decreto Sblocca-Italia, verrà messa in pratica dal comune di Montefalcone del Sannio. E chissà che altri non prendano esempio

30 luglio 2015

ROMA – Lo prevede il decreto “Sblocca Italia”, lo mette in pratica, tra i primi, il comune di Montefalcone del Sannio, in Molise. Consiste, per semplificare, in una forma di riduzione o esenzione dalle tasse per le famiglie più bisognose, in cambio però di prestazioni, da parte di queste, di servizi utili per la collettività: dalla pulizia alla manutenzione, dall'abbellimento di parchi, piazze e strade a interventi di decoro urbano, recupero e riuso o, in generale, di valorizzazione del territorio.

A raccogliere la “sfida” del decreto Sblocca-Italia, sperimentando di fatto questa possibilità, è oggi un piccolo comune, che non è nuovo a iniziative “originali” a favore delle fasce più deboli della popolazioni: già da tempo infatti l'amministrazione destina il 20% del bilancio a misure di sostegno e buone pratiche di welfare. Un segnale forte per la comunità e di esempio per le altre, in un momento storico difficile per l’Italia e per il Molise. La notizia è riportata su Il Colibrì, portale d'informazione sul welfare.

“Le richieste di aiuto delle famiglie che si recano al comune affermando di non riuscire a pagare i tributi sono aumentate, siamo di fronte al 50% rispetto al 20% dei precedenti anni – riferisce il sindaco Gigino D'Angelo - Il periodo di crisi sta soffocando le famiglie del nostro territorio, per questo motivo noi come Comune dobbiamo cercare di aiutare con i mezzi a nostra disposizione e con azioni concrete.” Ora, approvata la delibera, il prossimo passo sarà la definizione, in consiglio comunale, di criteri e parametri di reddito per il “baratto amministrativo”. L'iniziativa è senza dubbio interessante e non è escluso che altri comuni prendano esempio da questa piccola realtà molisana: la stessa capitale potrebbe spendere spunto, in un momento in cui , da più parti, cittadini e volontari sono chiamati a supportare l'amministrazione nella gestione e la tutela del territorio e del bene pubblico. (cl)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Baratto, Povertà

Stampa Stampa