:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Da Siracusa all'Expo, a forza di braccia: Samuel e la sua handbike oggi a Roma

Partito il 15 luglio dalla Sicilia, insieme al gruppo di amici “Freedom of angels”, Samuel Marchese, 15 anni, spina bifida, arriverà a Milano la prossima settimana. “ Nonostante le nostre difficoltà, crediamo di poter essere liberi e capaci di qualunque sfida. e riesco io a farcela qual è la tua scusa per non farlo?”

06 agosto 2015

Samuel Marchese
Samuel Marchese handbike 2

ROMA - Ancora qualche giorno e il traguardo sarà raggiunto: Samuel Marchese oggi è a Roma, scortato dai vigili della capitale, pedalando con la forza delle sue braccia a bordo dell'inseparabile handbike con cui sta affrontando il lungo viaggio che, dalla Sicilia, lo porterà dritto all'Expo di Milano. 15 anni, una disabilità fin dalla nascita, ha tanto desiderato questa bici speciale: costava 6 mila euro, non poteva permettersela. Ma gli è arrivata in dono dall'associazione “Make a wish” di Genova. Partito da Siracusa il 15 luglio, Samuel, insieme ad alcuni compagni di viaggio, arriverà a Milano la prossima settimana, portando con sé un messaggio semplice e chiaro: la disabilità pone limiti sì, ma non insuperabili. Nulla è impossibile quindi: neanche attraversare l'Italia, dalla Sicilia alla Lombardia, affrontando il caldo e la fatica, con la sola forza delle braccia.

Samuel infatti ha la spina bifida e non può contare sulle proprie gambe, ma non rinuncia ai propri sogni: e questa maratona in handbike è forse uno dei più grandi. 23 tappe, 800 chilometri, pochi comuni a sostenerlo economicamente, ma tante persone a seguirlo con ammirazione, mentre attraversa l'Italia con un gruppo di amici, disabili e non, cui ha dato il nome “Freedom of angels”. Il progetto e il senso dell'associazione lo spiega bene Samuel: “Nonostante le nostre difficoltà, crediamo di poter essere liberi e capaci di qualunque sfida. Il nostro esempio si rivolge non solo alla categoria delle persone con difficoltà, ma anche a tutti coloro che pur avendo un fisico perfetto non riescono a mettersi in gioco, e noi proprio a loro vogliamo dire: Se riesco io a farcela qual è la tua scusa per non farlo?” 

Samuel Marchese handbike

Oggi, sta sfilando sulle strade assolate della capitale, sfidando il caldo torrido e affrontando anche qualche salita: ma la meta si avvicina, ancora qualche giorno e sarà a Milano. Ad accompagnarlo, lungo le vie del centro, c'è la polizia di Roma Capitale, che lo scorta come farebbe con un vero campione. Come è giusto che sia. (cl)

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Handbike, Expo 2015, Sport

Stampa Stampa