:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Scuola, quando l'insegnante di sostegno fa supplenza. "I genitori denuncino"

Le linee guida e una nota del Miur vietano di impiegare gli insegnanti di sostegno per la sostituzione di docenti assenti, ma la legge di stabilità esclude le supplenze “brevi”. Ora, una nuova circolare prevede deroghe, ma mancano finanziamenti. Nocera: “Dirigenti tendono a risparmiare, docenti e insegnanti devono vigilare”

23 ottobre 2015

ROMA – Da una parte la legge, dall’altra le circolari, dall’altra ancora la realtà di tutti i giorni, quella di tanti insegnanti di sostegno che, nelle scuole di ogni ordine e grado, vengono utilizzati come supplenti. E questo è ciò che accede spesso, sebbene ci siano le Linee guida per l’integrazione scolastica ad escludere categoricamente questa possibilità. E ci sia una nota dello stesso Miur (n. 9839 dell’8 novembre 2010) a “richiamare l'attenzione sull'opportunità di non ricorrere alla sostituzione dei docenti assenti con personale in servizio su posti di sostegno, salvo casi eccezionali non altrimenti risolvibili”. 

Dall’altra parte, però, c’è una legge, la legge di stabilità del 2015, che pare proprio destinata a incoraggiare questa insana e illecita consuetudine: essa, infatti, impedisce che l’insegnante sia sostituito a un supplente nel primo giorno di assenza (art 1 comma 3333). E l’assenza minima per la sostituzione sale addirittura a una settimana per il collaboratore scolastico. Accade quindi molto spesso che, in mancanza di supplenti, siano gli insegnanti di sostegno a sostituire gli insegnanti assenti, a scapito evidentemente di chi avrebbe bisogno del loro aiuto. Tanto che il Miur ha emanato, alcuni giorni fa, una circolare (la n. 2116 del 30 settembre 2015) con cui deroga, di fatto, a questa limitazione, permettendo ai dirigenti di ricorrere a supplenze fin dal primo giorni di assenza del docente (ma solo in caso non sia possibile assicurar diversamente “la tutela e la garanzia dell'offerta formativa”) e anche del collaboratore scolastico, ma solo laddove la mancata sostituzione “determinerebbe delle urgenze che non potrebbero trovare alcuna altra risposta atta a garantire la incolumità e la sicurezza degli alunni, nonché la indispensabile assistenza agli alunni diversamente abili determinando, inoltre, necessità obiettive non procrastinabili, improrogabili e non diversamente rimediabili. 

Ora però arriva la bozza della legge di stabilità 2016, che non prevede i finanziamenti necessari a coprire queste “deroghe”, come ha denunciato ultimamente Anief. Sta di fatto che i dirigenti continuano ad esser piuttosto restii a ricorrere a supplenze brevi e tanti preferiscono impiegare gli insegnanti di sostegno per coprire le ore che restano scoperte. Ed è, appunto, quello che spesso accade nelle nostre scuole. E come è noto anche a Salvatore Nocera, che con l’osservatorio scolastico dell’Aipd riceve numerose segnalazioni di questo genere: “Ogni volta inviamo una segnalazione all’ufficio scolastico regionale – ci riferisce – e, qualora la violazione si ripeta, passiamo alla denuncia per interruzione di pubblico servizio. E ora queste segnalazioni andranno incidere, speriamo, sulla valutazione dello stesso dirigente da parte dell'Ufficio scolastico”. Perché, Nocera ci tiene a ribadirlo, “non è lecito utilizzare gli insegnanti di sostegno come supplenti. E i genitori per primi hanno il compito di vigilare su questo, anche tramite i loro rappresentanti in Consiglio d’istituto, e di denunciare le violazioni. Noi, con le nostre associazioni, siamo sempre pronti a sostenerli”. 

Ma che interesse hanno i dirigenti a non avvalersi delle deroghe concesse dal ministero? “Interessi di bilancio – spiega Nocera – perché il Miur ha ancora molti debiti verso i fondi scolastici. Che però la riforma incrementerà. E siccome aumenterà anche il potere del dirigente – conclude Nocera – è opportuno che aumenti anche il ‘contropotere dal basso’, ovvero il ruolo di vigilanza e di controllo che le famiglie e gli insegnanti devono esercitare”. Intanto, è “un disastro” la situazione dellassistenza specialistica, riferisce Nocera, che imputa la responsabilità soprattutto alla Regione: “La legge che doveva assegnare le competenze del servizio, ora che le province sono state soppresse, doveva essere pronta nel dicembre 2014, poi è stata rinviata al 31 ottobre 2015: mancano pochi giorni. E siamo pronti a denunciare, se anche questo termine non sarà rispettato”. (cl)

 

© Copyright Redattore Sociale

Tag: Stabilità 2016, Integrazione scolastica, Inclusione scolastica, Legge di stabilità, Sostegno scolastico

Stampa Stampa